top

Fimmg Lazio: Un manifesto nelle sale d’attesa dei medici spiegherà ai cittadini i tagli alle prestazioni del Decreto Lorenzin

medico al computer

Un manifesto da attaccare nelle sale di attesa dei medici di famiglia Fimmg del Lazio per illustrare ai cittadini la situazione venutasi a creare dopo l’applicazione del decreto Lorenzin che di fatto limiterà la prescrizione di molti esami ad alcune patologie. Questa è la prima di alcune iniziative che i medici di famiglia porteranno avanti contro l’applicazione di un decreto che sta creando attriti e problemi di assistenza quotidiani. “Caro cittadino: Il Decreto del Ministro Lorenzin del 20/01/16, riduce la possibilità di prescrivere esami da parte del vostro medico

Decreto Appropriatezza, L’Ordine di Roma chiede incontro urgente con la Regione Lazio

roberto lala

Preoccupazione per la mancanza di indicazioni sull’applicazione delle nuove disposizioni. Lala: «Occorre evitare ricadute sui cittadini e avere la possibilità di lavorare in serenità».

«I medici sono fortemente preoccupati per le conseguenze delle disposizioni del Governo in materia di prescrizioni e per l’assenza di indicazioni da parte della Regione Lazio sulle modalità di applicazione delle stesse. Preoccupazione che deriva dalla previsione di sanzioni a nostro carico e dalla mancanza di software gestionali aggiornati per effettuare le prescrizioni, con l’impossibilità

Infermieri: è allarme sicurezza nelle Rems

rems

Gli infermieri e tutto il personale del Ssn impegnato nelle Rems sono in prima linea sul fronte della sicurezza degli operatori e, di conseguenza, dei pazienti che assistono: mancano formazione specifica e tutele contrattuali o di legge che prevedano misure preventive e cautelative del danno. 

Rems (residenze per l’esecuzione della misura di sicurezza sanitaria ) a un passo dal traguardo, anche se in alcune Regioni servirà un commissario perché diventino una realtà. Ma se con le Rems spariscono gli Opg (ospedali psichiatrici giudiziari), si aprono anche nuovi problemi per

Ecco come si spiegano le migliaia di morti in eccesso del 2015

anziani

Epidemiologia & Prevenzione, rivista dell’Associazione di Epidemiologia rende noti in advance i risultati di 2 studi sulle cause dell’eccesso di mortalità del 2015. 

L’allarme sull’eccesso di mortalità dell’anno appena passato ha tenuto banco per settimane e ha sollevato parecchi quesiti tra i cittadini e tra gli esperti. Si è verificato davvero un surplus di decessi? Perché nel 2015 tanti morti? Colpa della crisi economica? Dei tagli alla sanità? Dell’influenza? Dell’inquinamento atmosferico? Del clima? Epidemiologia&Prevenzione, la rivista

Nel settore farmaceutico cresce fino al 25% la richiesta delle figure specialistiche

manager

Nel settore farmaceutico cresce del 20-25% la richiesta di profili specialistici, soprattutto negli ambiti del market access, del medical marketing, dell’assicurazione qualità e del Regolatorio, dove gli stipendi, in media tra 50-80 mila euro, sono anche più alti del 10-15% rispetto ad altri settori produttivi. In Italia, ad esempio, un senior quality assurance manager ha uno stipendio che oscilla tra 55 e 65 mila euro l’anno (esclusi eventuali extra o benefit). Più alte, tra 65 e 80 mila euro le retribuzioni di market access manager di livello senior con oltre dieci anni di esperienza.

Al via il primo progetto digitale integrato in italia per la dislessia

dislessia

L’iniziativa, realizzata da Fondazione Telecom Italia in accordo con Ministero della Salute, Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca e in collaborazione con Istituto Superiore di Sanità, Ospedale Pediatrico Bambino Gesù e l’Associazione Italiana Dislessia, è finalizzata a diffondere strumenti e competenze per un miglior approccio alla dislessia nel nostro Paese.

Fondazione Telecom Italia, Ministero della Salute e Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca hanno presentato ieri a Roma un innovativo progetto digitale integrato per la realizzazione

Il 2016 sarà un anno cruciale

lorenzin6

di Beatrice Lorenzin*

Il 4 febbraio è stata la Giornata mondiale per la lotta contro il cancro. Una lotta che vogliamo, e dobbiamo vincere. Anche se grazie ai progressi della ricerca e dei nuovi trattamenti clinici e diagnostici oggi per molti tumori si può finalmente parlare di guarigione, e se la sopravvivenza si è sensibilmente allungata, sono ancora tante le persone che si ammalano e troppe quelle che muoiono. Per combattere questo male abbiamo delle grandi armi a disposizione: prevenzione, ricerca e innovazione, su cui dobbiamo investire sempre di più. Abbiamo la grande sfida dei

Bonaccini (Regioni): Raggiunto accordo unanime per la ripartizione delle risorse per la sanità 2016

Stefano Bonaccini

Zaia (Veneto): Bene inversione di tendenza verso costi standard e virtuosità. Venturi (Emilia Romagna): «Dimostrazione di responsabilità da parte delle Regioni». Alla Calabria assegnati circa 30 milioni di euro in più rispetto all’anno 2015. Marini (Umbria): Molto importante accordo tra regioni e incremento fondo.

«Le Regioni hanno raggiunto all’unanimità l’accordo per il riparto delle risorse da destinare al servizio sanitario nazionale nel 2016 e lo hanno fatto all’inizio dell’anno, un fatto che considero talmente significativo da ritenerlo per

Disabili: Al via la legge del “Dopo di noi”

dopodinoi

Con 374 sì, 75 no e 11 astenuti approvato alla Camera il provvedimento che ora passa al Senato.

Il provvedimento sulla legge sul ‘Dopo di noi’ per l’ assistenza in favore delle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare è stato approvato ieri dalla Camera con 374 sì, 75 no e 11 astenuti.  «È una buona legge, credo che nei prossimi anni si potrà intervenire soprattutto al momento della sua valutazione con misure che la rendano ancora più efficace, ma noi per ora siamo soddisfatti del lavoro fatto». Così ha concluso il suo intervento