top

Eurostat: Italia prima in Europa per popolazione ultraottantenne

anziani2

La più alta percentuale di persone di 80 anni e oltre è stata registrata in Italia e in Grecia. Questo il dato diffuso oggi da Eurostat (ufficio statistico dell’Unione europea) che in occasione della Giornata Internazionale delle Persone Anziane, celebrata ogni anno il 1 ° ottobre, ha pubblicato gli indicatori demografici relativi alle persone anziane che vivono nell’UE. “In generale, il sud degli Stati membri” afferma l’Eurostat “ha registrato la più alta percentuale di persone anziane. Nel 2015, la più alta percentuale di persone di 80 anni e più è stata infatti registrata in Italia (6,5%) e in Grecia (6,3%), seguita da Spagna (5,9%), Francia (5,8%) e in Portogallo (5,7%). Al contrario, l’Irlanda e la Slovacchia (entrambi 3,1%), così come Cipro (3,2%) hanno registrato le percentuali più basse di anziani nella loro popolazione”. L’Italia risulta poi quarta, alle spalle di Francia, Spagna e Lussemburgo, per l’aspettativa di vita degli ottantenni: dieci anni contro una media di 9,5. All’estremità opposta della scala, l’aspettativa di vita più bassa all’età di 80 è stato registrato in Bulgaria (7,0 anni), la Romania (7,6 anni), Croazia (7,7 anni), Ungheria e Slovacchia (entrambe 7,9 anni). Nel 2015, quasi 27 milioni di persone di età compresa tra 80 e oltre vivano nell’Unione europea, 7 milioni in più rispetto al 2005. L’invecchiamento della struttura della popolazione è, almeno in parte, il risultato di una speranza di vita crescente, cresciuto all’età di 80 da 8,4 anni nel 2004 a 9,5 anni nel 2014.

Print Friendly, PDF & Email
Non ci sono ancora commenti.

Lascia un commento