top

Confermato Biagio Papotto alla guida della Cisl Medici

biagio papotto

Nei giorni 8, 9 e 10 Giugno scorsi ha avuto luogo a Roma il IV Congresso Nazionale della CISL Medici, avente come slogan conduttore “Medici e cittadini : una nuova alleanza per la persona e per il lavoro”. Alla presenza di centinaia di delegati provenienti da ogni regione d’Italia il congresso ha visto gli autorevoli interventi delle istituzioni e degli altri rappresentanti dei sindacati medici, oltre che l’importante riconoscimento della partecipazione ai lavori della Segretaria Generale della CISL, Annamaria Furlan, di alcuni autorevoli componenti della Segreteria Confederale, e del Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. “Il livello di assoluto valore dell’assise congressuale” afferma la Cisl Medici “è stato vieppiù innalzato dalle quattro tavole rotonde tematiche che hanno visto come relatori alcuni dei migliori oratori ed esperti del Paese nelle materie offerte. I lavori sono stati conclusi con la votazione per il rinnovo delle cariche della categoria, votazione che si è concretizzata con l’elezione del nuovo Consiglio Generale Nazionale, il massimo organo di decisione ed indirizzo della CISL Medici. Riunito il citato Consiglio Generale nella mattina di sabato per rinnovare la Segreteria Generale, che ha visto – con risultato definibile come plebiscitario – il rinnovo del mandato al dr. Biagio Papotto, come riconoscimento esplicito dell’ottimo percorso di sviluppo che la CISL Medici ha avuto negli anni del suo mandato. Accanto a lui è stato eletto il Segretario Generale aggiunto, nella persona del  dr. Maurizio Zampetti, ed i dottori Annalisa Bettin, Giuseppina Fera e Francesco Quatraro a conferma di una squadra rivelatasi omogenea e vincente. Il percorso perfettamente tratteggiato dal Segretario Generale nella propria relazione introduttiva, gli interventi appassionati e tecnicamente precisi del dibattito e la mozione conclusiva approvata all’unanimità, che ha preceduto le conclusioni del dr. Papotto nel successivo Consiglio Generale, hanno da un lato valorizzato il lavoro svolto, e dall’altro tracciato la rotta per un futuro certamente non facile ma che riserva ampi spazi di manovra ad un soggetto – come la CISL Medici – che ha saputo ritagliarsi prima e difendere poi in modo esemplare gli spazi e gli ambiti di intervento di un sindacato moderno nel metodo e risolutamente antico nel poggiare la propria azione nei valori fondanti della CISL”.

Print Friendly, PDF & Email
Non ci sono ancora commenti.

Lascia un commento