top

Oms Europa: La salute è un diritto umano fondamentale, ma inaccessibile a molti

oms europa

La spesa out of pocket per la salute spinge le persone alla povertà, anche nei paesi ad alto reddito.

Un nuovo studio dell’Oms dimostra che i pagamenti per la salute (per farmaci e servizi sanitari) sono inaccessibili per molte persone e causano difficoltà finanziarie in tutta la regione europea dell’Oms, compresi i paesi ad alto reddito. “Le stime elaborate con dati provenienti da 25 paesi mostrano – spiega l’Oms Europa – che fino all’8% delle famiglie non può permettersi di pagare i bisogni di base – cibo, affitto, bollette – dopo aver speso di tasca propria per le cure mediche. Questa situazione va contro la Carta di Tallinn, che è stata adottata da 53 Stati membri della Regione nel 2008, e afferma: “È inaccettabile che le persone diventino povere a causa di problemi di salute”.
Alla riunione ad alto livello dell’Oms “I sistemi sanitari per la prosperità e la solidarietà, che non lasceranno indietro nessuno”, che si terrà a Tallinn, in Estonia, dal 13 al 14 giugno 2018, verranno poste domande difficili e i paesi saranno incoraggiati a prendere azioni urgenti. L’incontro si terrà nel decimo anniversario della firma della Carta di Tallinn e riguarderà argomenti nell’ambito del tema “includere, investire, innovare”, cercando di sfruttare l’innovazione, prendere sul serio la prevenzione e porre la domanda: le persone possono permettersi di pagare per l’assistenza sanitaria?”.

La salute è un diritto umano fondamentale, ma inaccessibile a molti
Dieci anni dopo la firma della Carta di Tallinn, «il clima economico è incerto, i divari tra ricchi e poveri continuano a crescere e la spesa pubblica per la salute non ha tenuto il passo con i bisogni delle persone», ha detto Zsuzsanna Jakab, Direttore dell’ufficio regionale europeo dell’Oms. «Le famiglie devono pagare l’assistenza sanitaria di tasca propria. Per molti è inaccessibile. Esortiamo i paesi a prendere provvedimenti per mantenere questi pagamenti diretti sotto il 15% della spesa totale per la salute. Questo incontro intende onorare l’eredità della Carta di Tallinn lavorando insieme per includere, investire e innovare per il bene di tutti nella Regione Europea». “Il decennio successivo alla firma della Carta di Tallinn nel 2008” afferma l’Oms Europa “è iniziato con una crisi finanziaria ed economica che ha minacciato i progressi verso la copertura sanitaria universale e ha compromesso gli investimenti in salute in molti Stati membri della Regione. Quando si è tenuta la riunione di Tallinn del 2008, il numero di persone il cui fabbisogno di servizi sanitari non era soddisfatto stava calando nell’Unione europea. La crisi ha invertito questo progresso. Tra il 2008 e il 2014, la necessità insoddisfatta è aumentata in molti Stati membri, con i maggiori aumenti tra i più poveri. Molti paesi a medio e alto reddito nella regione fanno ancora molto affidamento su individui e famiglie che pagano di tasca propria per gran parte dei loro costi sanitari. Nel 2014, i pagamenti diretti rappresentano il 26% della spesa totale per la salute in media, con variazioni sostanziali (5-72%) in tutta la Regione. Nuove prove dell’Oms mostrano che i pagamenti diretti hanno il maggiore impatto sui meno in grado di pagare l’assistenza sanitaria: le famiglie più povere, le persone con malattie croniche e gli anziani. Lo studio rileva inoltre che le difficoltà finanziarie sono spesso legate alla spesa per i farmaci, in particolare per le persone più povere”. “La Regione ha una ricchezza di buone pratiche, ma molti paesi” sottolinea l’Oms Europa “possono fare di più per impedire alle persone di dover scegliere tra assistenza sanitaria e altri bisogni di base”. L’incontro riunirà circa 250 decisori politici provenienti da tutta la Regione e culminerà in una dichiarazione di risultato che rinnova l’impegno per i valori della Carta di Tallinn. Si prevede che i ministri della salute di 15 Stati membri parteciperanno e la riunione sarà aperta dal Presidente dell’Estonia, Kersti Kaljulaid.

Print Friendly, PDF & Email
Non ci sono ancora commenti.

Lascia un commento