top

Nella Regione Europea oltre 280.000 casi di tubercolosi segnalati nel 2017

3D-computer artwork of bacillus bacteria. These rod-shaped bacteria (bacilli) are widespread in soil and in the air. Many bacillus bacteria are responsible for food spoilage. Also tetanus, anthrax, botulism and tuberculosis are caused by such bacteria.

L’ultimo rapporto Oms/Ecdc sulla sorveglianza e il monitoraggio della tubercolosi in Europa 2019 (dati 2017) mostra che, nonostante una diminuzione generale del numero di persone affette da tubercolosi, la malattia rimane una delle principali sfide di sanità pubblica nella regione. Ogni ora a 30 persone viene diagnosticata la tubercolosi. Il 24 marzo la Giornata mondiale della tubercolosi 2019.

Con oltre 280.000 casi di tubercolosi (Tb) segnalati nel 2017, la tubercolosi rimane un grave problema di salute pubblica nella Regione Europea dell’Oms, compresi i paesi dell’Unione Europea/Spazio Economico Europeo (Ue/See).  Delle 275.000 nuove diagnosi e ricadute, si stima che circa 77.000 persone soffrano di tubercolosi resistente ai farmaci multiresistente (Mdr-Tb). È quanto sottolinea il Rapporto “Sorveglianza e monitoraggio della tubercolosi in Europa, 2019” pubblicato ieri congiuntamente dall’Ufficio regionale per l’Europa dell’Oms e dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) che   fornisce una panoramica della più recente situazione epidemiologica della tubercolosi. Nel 2017 sono stati segnalati 55.337 casi di tubercolosi nei 31 paesi dell’Unione europea e dello Spazio economico europeo (Ue/See), con un tasso di notifica di 10,7 ogni 100.000 abitanti nell’Ue/See. Il tasso di notifica globale e il tasso nella maggior parte dei paesi sono diminuiti negli ultimi cinque anni. «La TB è prevenibile e curabile; il tempo di agire è ora quello di porre fine alla TB entro il 2030. Se non interveniamo rapidamente e in modo decisivo, le forme resistenti ai farmaci della malattia aumenteranno la loro presa sull’Europa. Nonostante le sfide e le minacce che affrontiamo, credo che l’Europa abbia il pieno potenziale per aprire la strada. Abbiamo scienza e tecnologia, professionisti della salute qualificati e impegno politico ad alto livello per non lasciare nessuno dietro – abbiamo ottenuto quello che serve per porre fine alla tubercolosi», ha detto Zsuzsanna Jakab, direttore regionale dell’Oms per l’Europa. Vytenis Andriukaitis, commissario europea per la salute e la sicurezza alimentare, ha dichiarato: «Anche se la tubercolosi è una malattia antica, prevenibile e curabile, causa ancora troppe sofferenze e morte a molte persone nell’Unione europea e oltre. La Tb era in cima all’agenda globale nel 2018 e i leader mondiali si sono impegnati a mobilitare gli sforzi per porvi fine. Questo slancio deve essere utilizzato per affrontare la tubercolosi da tutti gli angoli e a tutti i livelli. La Commissione si è impegnata a sostenere gli Stati membri dell’Ue per raggiungere l’obiettivo di porre fine alla Tb entro il 2030, come parte della più ampia agenda per lo sviluppo sostenibile. Anche se siamo sulla strada giusta, gli sforzi sostenuti incentrati sulle persone sono fondamentali per raggiungere un’Europa e un mondo senza tubercolosi». Il direttore dell’Ecdc, Andrea Ammon, crede nella capacità dell’Ue di migliorare: «Possiamo porre fine alla TB entro il 2030. Tuttavia, poiché l’onere nella regione varia notevolmente, sarà necessario adeguare gli approcci in base al paese per paese. L’Ecdc continuerà a offrire un sostegno personalizzato al paese e coordinerà gli sforzi transfrontalieri». “La recente riunione ad alto livello delle Nazioni Unite sulla tubercolosi, tenutasi nel settembre 2018, ha portato – affermano Oms Europa e Ecdc – la speranza al mondo quando i leader globali hanno intensificato il loro impegno per porre fine alla Tb entro il 2030, in linea con gli Obiettivi di sviluppo sostenibile (Sdg). Questo impegno politico ora deve essere tradotto in azioni per porre fine alla Tb”. “La diagnosi corretta e veloce della Tb è essenziale – affermano le organizzazioni – Prima viene diagnosticato un paziente, più velocemente può iniziare il trattamento, attenuando la sofferenza e prevenendo un’ulteriore trasmissione della malattia. Il nuovo rapporto indica che poco più della metà di tutti i pazienti Tb recentemente notificati sono stati testati utilizzando test diagnostici rapidi raccomandati dall’Oms. Per migliorare le diagnosi e garantire approcci terapeutici appropriati, è anche importante avere capacità a livello nazionale per rilevare rapidamente la Tbc resistente ai farmaci. Nel complesso, la situazione nella Regione europea sta migliorando troppo lentamente per porre fine alla Tb entro il 2030. Per raggiungere l’obiettivo Sdg sulla tubercolosi, sono necessari nuovi approcci intersettoriali, gli strumenti attuali devono essere utilizzati in modo più efficace e un approccio incentrato sulle persone è fondamentale”.

Print Friendly, PDF & Email

Non ci sono ancora commenti.

Lascia un commento