top

Amani Ballour riceve il Premio Raoul Wallenberg del Consiglio d’Europa

Amani Ballour

La pediatra siriana ha diretto dal 2012 al 2018 un ospedale sotterraneo nella Ghuta orientale (Regione intorno a Damasco), oggi è rifugiata in Turchia.

Il Premio Raoul Wallenberg del Consiglio d’Europa verrà assegnato domani a Amani Ballour, pediatra siriana che ha diretto dal 2012 al 2018 un ospedale sotterraneo nella Ghuta orientale (Regione intorno a Damasco), oggi rifugiata in Turchia, per il coraggio, l’impegno e la determinazione nel salvare centinaia di vite umane durante la guerra in Siria. «I diritti umani e la dignità personale non sono un lusso in tempo di pace. La dott.ssa Amani Ballour è un brillante esempio dell’empatia, della virtù e dell’onore che possono prosperare anche nelle peggiori circostanze: nel mezzo della guerra e della sofferenza», ha affermato Marija Pejčinović Burić, segretario generale del Consiglio d’Europa. «Una giovane pediatra appena uscita dall’università, Ballour ha iniziato come volontaria ad aiutare i feriti e si è ritrovata, diversi anni dopo, a gestire una squadra di circa 100 membri del personale dell’ospedale sotterraneo, la ‘Grotta’, nella sua città vicino al siriano capitale. «Giovane pediatra appena uscita dall’università, Amani Ballour ha iniziato come volontaria prestando soccorso ai feriti per arrivare, diversi anni dopo, a dirigere un team di circa 100 persone presso l’ospedale sotterraneo la “Grotta” (The Cave), nella sua città natale vicino alla capitale siriana. La struttura divenne un faro di speranza e di sicurezza per molti civili assediati. Lì, la dottoressa Ballour ha rischiato la propria sicurezza per aiutare i più bisognosi. Insieme ad altri, ha agito giorno dopo giorno per salvare la vita di tante persone, incluso di bambini che soffrono degli effetti delle armi chimiche», ha aggiunto il Segretario generale. La sua storia è raccontata dal documentario “The Cave”, del National Geographic, candidato all’Oscar nell’apposita categoria.

 

Print Friendly, PDF & Email
Non ci sono ancora commenti.

Lascia un commento