-

Parkinson, via all’Istituto Virtuale Nazionale 

ricerca

Prosegue il progetto di sviluppo della Rete Irccs delle Neuroscienze e della Neuroriabilitazione iniziato con l’Ivn Demenze. Coinvolti 336 professionisti e 16 Istituti.

In linea col proprio timing di sviluppo, si è costituito nei giorni scorsi, in seno alla Rete IRCCS delle Neuroscienze e della Neuroriabilitazione, l’Istituto Virtuale Nazionale Parkinson, network dedicato a diagnosi e cura della malattia neuro degenerativa, seconda tappa della road map iniziata nel 2019 con la nascita dell’IVN Demenze. Nel primo meeting di definizione della governance, delle attività e del crono programma per il prossimo triennio, il Consiglio Direttivo della Rete ha affidato a Pietro Cortelli, Direttore Operativo dell’Istituto delle Scienze Neurologiche di Bologna, il ruolo di coordinatore del working group di cui faranno parte neurologi, fisiatri, neurochirurghi, gastroenterologi, neuropsicologi, psichiatri, nutrizionisti, farmacologi, infermieri, tecnici di laboratorio e di neurofisiopatologia. Molto importanti, anche in questo caso, i numeri che caratterizzano l’IVN: 16 IRCCS coinvolti, 336 professionisti, un bacino di riferimento che supera i 10 mila Pazienti e circa 2 mila ricoveri ogni anno. Da sottolineare infine anche i 16 milioni di euro derivanti da finanziamenti nazionali e internazionali ottenuti in cinque anni dagli IRCCS coinvolti nell’IVN. «Siamo particolarmente soddisfatti – ha detto Fabrizio Tagliavini, Presidente della Rete – perché saremo finalmente in grado di mettere a fattore comune, secondo una metodologia diagnostico-terapeutica condivisa, eccellenza e avanguardia nello studio e nel trattamento del Parkinson». Per Cortelli «la nascita di IVP segna l’inizio di una nuova era della ricerca in questa malattia perché permetterà di studiarne le caratteristiche cliniche e biomolecolari in coorti numerose, analizzate in modo molto approfondito secondo standard internazionali. Ora – ha spiegato – stiamo costruendo le infrastrutture per collegare i 16 Istituti e condividere dati e risultati; nella seconda metà del 2020 vedremo i primi risultati concreti che contiamo di pubblicare a livello internazionale».

Aderiscono all’Istituto Virtuale Nazionale del Parkinson i seguenti IRCCS:

Fondazione Istituto Neurologico Carlo Besta – MI, Fondazione Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico – MI, Ospedale San Raffaele – MI, Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus  MI-FI, Istituto Auxologico Italiano – MI, Istituto Clinico Humanitas – Rozzano (MI), Istituti Clinici Scientifici Maugeri  – PV, Istituto Neurologico Casimiro Mondino – PV, Istituto delle Scienze Neurologiche di Bologna – BO, Fondazione Ospedale San Camillo – VE, Ospedale Policlinico San Martino – GE, Fondazione Santa Lucia – Roma, Neuromed Istituto Neurologico Mediterraneo- Roma, Centro Neurolesi Bonino Pulejo- Messina, IRCCS San Raffaele Pisana- Roma, Policlinico Gemelli – Roma.

Print Friendly, PDF & Email