Sottomenu

L’Ebola nella Repubblica Democratica del Congo rimane un problema di salute pubblica internazionale

Congo ebola

È quanto dichiarato dagli esperti del Comitato di emergenza Oms riunito a Ginevra per riesaminare l’attuale epidemia nella Repubblica democratica del Congo.

È stato un parere unanime quello del Comitato di emergenza dell’Oms, riunito mercoledì a Ginevra, nel dichiarare che il virus Ebola costituisce ancora un’emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale (Pheic). “Il Comitato temeva – spiega una nota dell’Oms – che la revoca del Pheic ora potesse avere conseguenze negative per gli sforzi di risposta attraverso la riduzione dell’attenzione”. Il Comitato ha riconosciuto la revisione della valutazione del rischio, che pone il rischio ora tanto alto a livello nazionale e regionale, quanto basso a livello globale. Inoltre per il Comitato rimane un urgente bisogno di mantenere la solidarietà internazionale per la risposta. L’epidemia nella Rdc orientale è iniziata nell’agosto 2018. A partire da questo mese, ci sono stati 3.308 casi confermati e oltre 2.250 decessi. “Il paese continua a necessitare di sostegno per combattere le malattie infettive e rafforzare il proprio sistema sanitario. Inoltre, rimane un urgente bisogno di mantenere la solidarietà internazionale per la risposta”, prosegue la nota. Il Comitato ha consigliato alle autorità congolesi di sostenere l’impegno e il coordinamento sulla risposta all’ebola e di rafforzare la consapevolezza e l’impegno della comunità. Altre raccomandazioni includono lo screening e il monitoraggio transfrontalieri continui nei punti di controllo intorno ai punti di crisi ad est, nonché il potenziamento della preparazione nelle province non colpite. “I paesi a rischio dovrebbero continuare a lavorare con i partner per migliorare la loro preparazione al rilevamento e alla gestione di casi importati o acquisiti localmente, compresa la condivisione trasparente di informazioni dettagliate su casi sospetti”, hanno affermato gli esperti, citando le norme e le linee guida dell’Oms.  Le sfide che rimangono comprendono: il rafforzamento dell’accettazione da parte della comunità per il pieno impegno nelle misure di risposta; protezione del personale nei punti di controllo sanitari strategici; miglioramento delle pratiche di prevenzione e controllo delle infezioni nelle strutture sanitarie; rafforzamento del sistema sanitario locale; e trattamento completo e supporto per i pazienti in fase di recupero.

Print Friendly, PDF & Email