-

Covid-19. A Nerola il camper dell’Omceo Roma per offrire assistenza sanitaria al comune diventato ‘zona rossa’

infermiere protezione

Magi e Bartoletti: “sarà una struttura attrezzata e medicalizzata con a bordo personale sanitario composto da volontari. È la risposta rapida ad un problema urgente per garantire l’assistenza sanitaria necessaria”.

Da questa mattina a Nerola – piccolo comune della provincia di Roma diventato ‘zona rossa’ a causa dell’impennata del numero dei contagi da coronavirus, per via dell’emergenza alla casa di riposo Maria Immacolata –, è presente un camper attrezzato e medicalizzato con a bordo medici e infermieri volontari. Il mezzo, predisposto grazie alla collaborazione tra l’Ordine provinciale di Roma dei medici chirurghi e odontoiatri e Confcooperative Federazione Sanità, avrà il compito di svolgere iniziative di carattere sanitario che saranno necessarie in un’area diventata zona rossa. “L’iniziativa – hanno spiegato Antonio Magi e Pier Luigi Bartoletti rispettivamente Presidente e Vicepresidente dell’Omceo Roma – organizzata in urgenza è la risposta rapida ad un problema urgente e sarà strutturata anche con il supporto di altri camper medicalizzati, auto mediche e personale volontario, adeguatamente formato ed equipaggiato con DPI. L’Ordine è vicino ai cittadini che soffrono e ai medici che lavorano per garantire l’assistenza sanitaria necessaria sul territorio”. “L’iniziativa – ha spiegato Alessio D’Amato, Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio – è un supporto importante e per il quale voglio ringraziare l’Ordine dei medici di Roma e Confcooperative Federazione Sanità”.

Print Friendly, PDF & Email