top

Archive | News

8 mln di anziani con dolore cronico ignorato nel 60% dei casi

anziano

Otto milioni di over 65 soffrono di un dolore cronico grave che dura quasi sempre da oltre un anno e che in un caso su due limita le attività quotidiane, eppure il 60%, quasi 5 milioni, non viene curato in alcun modo e la sofferenza è del tutto sottostimata oltre che sottotrattata, specialmente fra gli anziani istituzionalizzati o con patologie complesse come la demenza. Eppure per valutarlo anche nei pazienti più gravi e fragili, incapaci di esprimersi, basterebbero cinque minuti di osservazione di cinque elementi non verbali, dalla postura alle espressioni del viso. Il dolore è

Legge Gelli, Sismel: Caos nelle Asl per i Servizi di Medicina legale

camice medico

“Facciamo nostre le preoccupazioni pervenuteci dalle direzioni generali delle Asl di varie regioni d’Italia a proposito dell’art. 4 comma 4 della legge Gelli, che ha introdotto il comma 2 bis all’art. 37 del regolamento di polizia mortuaria”. È quanto denuncia, in una nota, il direttivo del Sismel – Sindacato degli specialisti in medicina legale e delle assicurazioni. “La legge Gelli, infatti, prevedendo che ‘i familiari o gli altri aventi titolo del deceduto possono concordare con il direttore sanitario o sociosanitario l’esecuzione del riscontro

La Federazione degli infermieri tiene a battesimo la “Consulta permanente delle associazioni dei pazienti e cittadini”

assistenza8

Pazienti e cittadini si alleano con gli oltre 447mila infermieri che operano in Italia e danno vita alla “Consulta permanente delle associazioni dei pazienti e cittadini” che si è insediata oggi a Roma presso la Federazione nazionale Ipasvi, a cui hanno aderito – per il momento: le iscrizioni sono aperte –  oltre 30 associazioni di malati. “Il rapporto coi pazienti è per noi un elemento valoriale importante della professione – ha detto la presidente della Federazione nazionale Ipasvi, Barbara Mangiacavalli – e del suo ‘patto col cittadino’ che da anni

I mmg restano ancora la figura di riferimento principale per reperire informazioni sulla salute e sull’accesso al Ssn

medico paziente

Presentati, al Convegno Ministero della Salute – Agenas “Informati e in Salute: dove, come e che cosa cercano gli italiani”, i primi risultati dell’indagine nazionale che ha coinvolto un campione rappresentativo di 1.000 cittadini.

Sono fortemente interessati al mondo salute, nutrono grande fiducia nei confronti dei Medici di Famiglia e utilizzano sempre più internet per informarsi sui servizi sanitari. Sono i primi risultati dell’indagine nazionale che ha coinvolto un campione rappresentativo di 1.000 cittadini, condotta nell’ambito del Progetto di Ricerca

Ddl Lorenzin, Aifi: Rispetto delle leggi (e del buon senso)

Logo Aifi

I lavori in Commissione Affari Sociali della camera sul DDL Lorenzin dovrebbero vedere la settimana prossima la discussione relativa agli articoli che riguardano l’istituzione di nuove professioni sanitarie per i quali Aifi chiede da sempre con decisione alla politica di seguire quanto disposto dalle leggi in vigore. «La premessa che devo fare – spiega il presidente dell’Associazione Italiana Fisioterapisti, Mauro Tavarnelli -, come già affermato in altre occasioni, è che l’AIFI non è assolutamente contraria all’individuazione di nuove professioni sanitarie,

Regioni, Troise (Anaao): Sul personale ricette vecchie cucinate male

Anaao

«L’apertura di un confronto tra Regioni e Governo sulla sanità – è il commento del Segretario Nazionale Anaao Assomed, Costantino Troise – è una notizia positiva perché porta alla ribalta delle istituzioni un tema scomparso nelle agende degli ultimi governi. Da 15 anni la sanità è uscita dal loro radar come valore e fattore di coesione sociale, volano di crescita economica, diritto riconosciuto fondamentale dalla Costituzione per ridursi a bancomat per altre scelte politiche e costo da tagliare. Ed  abbiamo tagliato più di tutti, fino ad accoppiare la spesa

Smi: In Toscana allarme rosso per il 118. Regione fuori controllo

logo smi

Nicola Marini (Smi): «Si vogliono tagliare 34 medici d’emergenza a Grosseto, Siena, Arezzo, Isola d’Elba!».

“La Regione Toscana” denuncia lo Smi “intende eliminare 34 medici 118 nelle tre province dell’Azienda Sud Est, lasciando in grave carenza di organico anche il Pronto Soccorso di Portoferraio e l’ Emergenza Territoriale 118 dell’isola nel pieno della stagione estiva”. Duro il commento di Nicola Marini, responsabile nazionale 118 del Sindacato dei Medici Italiani: «I cittadini ed i turisti delle città