top

Archive | News

Legge Stabilità, Maroni (Lombardia):«Inaccettabile il taglio di 4 mld alle Regioni»

roberto maroni

Il rischio di un aumento delle tasse per coprire i costi in sanità.

«Valutando il testo, sembra ci siano 4 miliardi di tagli alle Regioni, 2 dei quali sono i nuovi fondi alla sanità datici a luglio di quest’anno con un accordo tra Governo e Regioni e che adesso sarebbero inopinatamente tagliati». Lo ha detto il presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni a margine dei lavori del quinto ‘Italy-China innovation forum’, questa mattina, al Politecnico di Milano, al Campus Bovisa. «Non è che il Governo può prima fare un accordo – ha detto il presidente Maroni…

Bevere (Agenas): La persona prima di tutto

foto bevere

«Nelle organizzazioni che si occupano di sanità è necessario preoccuparsi oltre che del benessere della persona bisognosa di cure, anche del clima organizzativo ed è quindi necessario misurare il polso del livello di benessere e di soddisfazione del personale».

Francesco Bevere, Direttore Generale dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, a margine del convegno Nazionale “Empowerment dei professionisti in sanità: proposta di un sistema di rilevazione”, finalizzato a presentare i risultati di uno studio promosso da Agenas e realizzato in collaborazione…

Legge 194: inviata al Parlamento la Relazione annuale. Confermata in Italia la tendenza storica alla diminuzione dell’Ivg

ivg

Rilevato un decremento del 4.2% rispetto all’anno precedeente

È stata inviata al Parlamento la Relazione annuale sull’attuazione della legge 194 del 1978 che stabilisce norme per la tutela sociale della maternità e per l’interruzione volontaria di gravidanza (IVG), nella quale vengono presentati i dati definitivi relativi all’anno 2012 e quelli preliminari per l’anno 2013.
– Si conferma la tendenza storica alla diminuzione dell’IVG in Italia: nel 2013 sono state notificate 102.644 IVG, con un decremento del 4.2% rispetto al dato definitivo del 2012…

Indirizzare la ricerca farmacologica dove maggiori sono le necessità dei pazienti

farmaci5

In un Convegno ricercatori, clinici e mondo dell’industria farmaceutica si sono confrontati sull’importanza di un’azione sinergica, per sviluppare trattamenti adeguati in due importanti aree terapeutiche: le patologie del sistema nervoso centrale e le malattie rare in nefrologia.

La collaborazione tra ricerca farmacologica e aziende farmaceutiche è un fattore chiave per lo sviluppo dell’innovazione scientifica e il ruolo delle società scientifiche nella ricerca dovrebbe essere quello di fornire indicazioni sulle aree terapeutiche dove i trattamenti sono …

Disturbi dello Spettro Autistico: l’Iss presenta Nida il primo network italiano per lo studio e monitoraggio di bambini ad alto rischio

Network Nida Home

Inizia dalla gravidanza e continua fino a due anni di età la sorveglianza per la diagnosi precoce dei Disturbi dello spettro autistico (Asd). È cominciato nel 2011 il percorso dell’Istituto Superiore di Sanità per il riconoscimento tempestivo di disturbi dell’età evolutiva, attraverso due progetti che hanno visto impegnati il Reparto di Neurotossicologia e neuroendocrinologia dell’Iss insieme con altre Unità operative di 4 Regioni. I primi risultati saranno presentati nell’ambito della conferenza internazionale “Non invasive tools for early detection of…

Depressione, la diagnosi arriva due anni dopo i primi sintomi

depressione

Allarme giovani: 6 casi su 10 evidenti già in adolescenza.

In Italia, 7 pazienti depressi su 10 attendono un anno prima di ricevere un trattamento farmacologico. E solo il 40% di loro risponde in maniera soddisfacente alla terapia e non presenta ricadute. In media, passano ventiquattro mesi prima che la diagnosi sia chiara. Un lasso di tempo troppo lungo che può anche rivelarsi fatale: nel 47% dei casi il disturbo diventa cronico e porta così a un peggioramento significativo della qualità di vita. «Nel nostro Paese la depressione maggiore colpisce 7,5 milioni di persone, il 12,5%…

La Donazione di sangue: Il 66% dei giovani delle scuole medie ritiene sia un gesto di alto valore

donazione sangue

Presentati al Miur i risultati di una ricerca.

Il 66% dei giovani delle scuole medie (secondarie di primo grado) ritiene la donazione di sangue un gesto di alto valore per aiutare il prossimo e solo il 6% si dichiara non interessato all’argomento. Sono questi alcuni dei dati emersi nella ricerca presentata ieri al Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, a Roma, dal titolo “ Il vissuto e l’immaginario degli adolescenti nei confronti della donazione del sangue”. L’indagine – che ha coinvolto 2.100 studenti di scuola media di tutta Italia – è stata…