-

Archive | Studi e Ricerca

Fase 2, Saranno 410.000 i ricoveri per interventi chirurgici da riprogrammare post emergenza

chirurghi3

È la stima elaborata da Nomisma all’interno dell’analisi “Riprogrammazione degli interventi chirurgici, liste d’attesa e mobilità sanitaria: il Covid spingerà gli italiani a curarsi vicino a casa?”

Ogni anno sono circa 750.000 i cittadini che affidano le proprie cure ospedaliere a strutture di regioni diverse da quella di residenza. Di questi, oltre il 90% si sposta per ricoveri acuti in regime ordinario (69%) e in regime diurno (23%). I saldi di mobilità e i dati sulla compensazione economica fra Regioni identificano la Lombardia e l’Emilia Romagna come le due regioni maggiormente attrattive;…

Fumo e Covid-19: qualcosa è cambiato

fumo 3

Un’indagine rivela che il lockdown non ha modificato in modo significativo il consumo di sigarette ma ha inciso sulla motivazione a smettere di fumare nella Fase 2.

Il fumo resta la seconda causa di morte nel mondo con otto milioni di vittime l’anno e, in Italia, un trend in crescita del consumo di sigarette tra le donne (4,5 milioni sono le fumatrici) e le ragazze. LILT Milano Monza Brianza ha scelto di celebrare la Giornata mondiale senza tabacco (31 maggio) indagando se la quarantena ha modificato il rapporto degli italiani con le sigarette. Le motivazioni per smettere non sono mancate durante…

Fazzini (climatologo Università di Camerino): Solo il Sole fa scemare il Coronavirus, ma appena del 26%

sole

Un team multidisciplinare ha condotto un importante ricerca sulla relazione tra Coronavirus e clima.  Ecco i nuovi risultati dello studio annunciato nei mesi scorsi. Ora sotto analisi anche Molise e Basilicata ma anche Brescia.

«Dallo studio effettuato dal mio team multidisciplinare comprendente esperti e accademici delle Università Bicocca di Milano, Roma Tre e Chieti-Pescara, è emerso che solo il Sole fa scemare il Coronavirus ma appena del 26% e che il rischio resta perché non incidono in modo significativo sull’involuzione della pandemia sia il clima caldo che primaverile. L’interazione…

Rapporto Iss su malattia di Kawasaki e infezione da Sars-CoV-2

pazienti pediatria

Il documento pubblicato il 21 maggio 2020 dal Gruppo di lavoro Iss Malattie Rare Covid-19 offre una fotografia della situazione attuale.

Il Gruppo di lavoro Iss Malattie Rare Covid-19 ha pubblicato il Rapporto Iss Covid-19 n. 29/2020 – Indicazioni ad interim su malattia di Kawasaki e sindrome infiammatoria acuta multisistemica in età pediatrica e adolescenziale nell’attuale scenario emergenziale da infezione da Sars-CoV-2. “Le evidenze scientifiche disponibili ad oggi indicano – spiega l’Iss – che nei pazienti pediatrici l’infezione causata…

Covid-19, Brusaferro (Iss): La curva dell’epidemia è ancora in calo ma il virus circola, non allentare le misure

Roma, 11 marzo 2020: strade e negozi durante coronavirus covid-19 - foto SIR/Marco Calvarese

L’indice di contagio Rt si mantiene sotto il valore di 1 in tutte le regioni italiane eccetto la Valle d’Aosta, dove è pari a 1,06. Questo è il quadro che emerge dal monitoraggio settimanale (11-17 maggio) della cabina di regia sulla diffusione di Covid-19 in Italia.

«In tutte le regioni i casi sono in decremento, ma rimangono delle differenze che dividono sostanzialmente in tre aree il Paese: regioni con pochissimi casi o zero e altre come la Lombardia con un numero significativo». Lo ha detto il presidente dell’Istituto superiore di sanità (Iss), Silvio Brusaferro, alla conferenza stampa…

Covid-19: Donazioni e trapianti in ripresa. Si torna ai livelli pre-pandemia

trapianti1

Confortanti i primi dati dello studio Cnt-Iss su Covid-19 nei pazienti trapiantati e in lista d’attesa

L’attività di donazione e trapianto di organi in Italia è di nuovo in ripresa, dopo il calo inevitabile dovuto all’impatto della pandemia sulle terapie intensive e in generale sulle strutture ospedaliere. Secondo i dati preliminari del Centro nazionale trapianti aggiornati al 17 maggio e presentati nel corso della conferenza stampa odierna dell’Istituto superiore di sanità, per la terza settimana consecutiva sale sia il numero dei donatori utilizzati (28) che quello dei trapianti …

Epatite C, lo screening per fasce di popolazione a rischio e l’accesso alle terapie innovative sono le armi vincenti 

epatite

È quanto emerge da uno studio condotto dall’Iss in collaborazione con la Facoltà di Economia dell’ l’Università di Tor Vergata e con esperti internazionali di stime globali dell’infezione Hcv del Polaris Observatory USA.

Lo screening dell’epatite C mirato a quei gruppi di popolazione, dove, conoscendo la storia naturale della malattia, si presume ci sia la maggior parte delle infezioni non diagnosticate, si rivela, sulla base di modelli matematici, la strategia migliore per l’Italia sotto il profilo costo-efficacia. Testare cioè in modo sistematico,…