-

Renzi: «Sui tagli ascolteremo i medici»

matteo renzi2

«Se i medici ci vogliono suggerire modi diversi per tagliare gli sprechi, saremo ben felici di ascoltarli senza che si arrivi allo sciopero. Penso troveremo agevolmente un punto di intesa ma deve essere chiaro che noi stiamo mettendo più soldi nella sanità, non meno. Quelli che mettiamo, spendiamogli meglio». Così il Presidente del Consiglio Matteo Renzi parlando dei tagli alla sanità in un’intervista al Tg 5 lo scorso 25 settembre. «Dovremo parlare anche con i medici – ha aggiunto Renzi- ma segniamoci i numeri: nel 2013 106 miliardi, nel 2014 109 mld, più 3%, nel 2015 110 miliardi…

A Milano Marittima il XXV Congresso del Simet. Mauro Mazzoni: “La Sanità pubblica è ancora un bene comune”?

Mazzoni 2015

“Bisogna oggi ripartire dal concetto di salute come bene comune con lo sviluppo di tutte le conseguenze operative. Bisogna partire dall’affermazione, che un servizio sanitario pubblico universale ha ragione di esistere se, e soltanto se, è in grado di ridurre gli effetti sulla salute delle disuguaglianze sociali. Questo dice, in ultima istanza, l’articolo 32 della nostra meravigliosa e ineguagliata Costituzione, che va difesa ad oltranza”. Questo l’incipit della relazione politica di apertura del Segretario nazionale, Mauro Mazzoni, che  ha inaugurato…

Maroni (Lombardia): «Condivido le proteste medici contro il Governo che vuole imporgli quali esami fare o no»

maroni4

«Fanno bene i medici a protestare davanti alla proposta del Governo di penalizzarli nel caso facciano esami che qualcuno a Roma ritiene inappropriati. Io sono per il giuramento di Ippocrate, per me il medico è responsabile della scelta di curare o no, di far fare o meno gli esami al paziente, è lui a doverlo decidere. Mi pare assurdo che ci sia un funzionario del ministero che dica al medico, che ha studiato sei anni più la specialità, se e quali esami fare oppure quando farli, se tra sei mesi o un anno. Per cui i medici vanno bene a protestare». Lo ha spiegato il presidente della Regione Lombardia, …

La Simg contro il giro di vite sugli esami diagnostici: «Così si rischia di creare una “medicina astensiva”»

claudio cricelli

Il presidente Claudio Cricelli: «Il criterio economico non può guidare la nostra politica sanitaria. Scioperi o altre forme di protesta però non servono. L’appropriatezza deve essere stabilità solo su basi scientifiche».

«Il nuovo giro di vite del Governo sugli esami diagnostici rischia di portare da una medicina difensiva ad una astensiva». È questo l’allarme lanciato dalla Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (SIMG) dopo l’annuncio del Ministero della Salute di risparmiare 13 miliardi tramite il Decreto Appropriatezza e la lotta ai presunti esami inutili. …

Quando la dislessia è dovuta ad un deficit di elaborazione lessicale

dislessia

Pubblicato oggi su Cortex uno studio che individua nella via semantico-lessicale l’origine di alcuni disturbi in lettura e scrittura, come l’elaborazione di parole irregolari o con le doppie. Team dell’IRCCS Medea, Neurochirurgia di Udine e Università di Milano-Bicocca.

Un’equipe di ricercatori del Polo friulano dell’IRCCS Medea e del Servizio di Neurochirurgia di Udine, in collaborazione con il Dipartimento di Psicologia dell’Università di Milano-Bicocca, ha condotto uno studio sulla difficoltà nell’elaborazione delle parole irregolari o contenenti le doppie come espressione…

Tagli sulle 208 prestazioni, proposta di Zaia alla Lorenzin: «Si rinunci al Decreto e si incarichino le Regioni di gestire il tutto. Così pagherà solo chi deve»

luca zaia1

«Una via d’uscita al pasticciaccio dei 208 esami medici tagliati c’è. Il Ministro rinunci a decreti e diktat e dia alle Regioni, ognuna sulla base della propria realtà, il compito di gestire l’appropriatezza. Il Veneto, che da anni lavora quotidianamente su questo settore, con ottimi risultati e senza punire medici o far pagare le prestazioni ai malati, è pronto a raccogliere la sfida e anche a mettere a disposizione degli altri la propria esperienza. Non siamo gelosi delle nostre buone pratiche, anzi, saremmo felici di poterle diffondere, magari anche imparando noi qualcosa d’altro da altri». …

Ocse: Senza riforme costi sanitari insostenibili nelle economie avanzate

fiscal

Secondo un nuovo Rapporto Ocse nelle economie avanzate i cosi sanitari stanno aumentando così velocemente da diventare, senza l’intervento di riforme inaccessibili  entro la metà del secolo. Il Rapporto “La sostenibilità fiscale dei sistemi sanitari” ritiene che per mantenere gli attuali standard sanitari e per finanziare i futuri progressi in campo medico sarà difficile senza l’attuazione di grandi riforme che dovranno vedere un lavoro di collaborazione tra i ministeri della salute e delle finanze. “Anche se la crisi ha portato a un rallentamento della crescita della spesa sanitaria,…

Dermatite atopica, SIAIP: colpisce nel primo anno di vita i bambini dal 10% al 30%

manina neonato

Nei primi due anni di vita i più colpiti sono i maschi. Inversione di tendenza nella pubertà e nell’età adulta.

«La dermatite atopica, patologia infiammatoria cronica della cute, colpisce tipicamente i bambini durante l’infanzia ed esordisce nel primo anno di vita con frequenza variabile dal 10% al 30%. Questa malattia persiste anche durante l’adolescenza con un’incidenza del 10-20%». Così Roberto Bernardini, Presidente della Società Italiana di Allergologia e Immunologia Pediatrica in occasione del Congresso Nazionale della SIAIP che si è aperto a Roma. La prevalenza della dermatite…

Con l’intervento su un bambino di 9 anni il Meyer apre all’approccio con il robot

robot-chirurgico1

È il frutto del neonato Centro interaziendale per lo sviluppo e l’innovazione in urologia pediatrica nato tra Meyer, Careggi e Università di Firenze.

È con un bambino di 9 anni che aveva bisogno di una complessa operazione urologica che l’ospedale pediatrico Meyer ha aperto una nuova fase nello sviluppo della chirurgia pediatrica: quella del robot. Un salto nel futuro che è frutto del “Centro interaziendale per lo sviluppo e l’innovazione in urologia pediatrica”, nato in estate dall’accordo tra l’Università di Firenze, il Meyer e Careggi per condividere le conoscenze e le risorse tecnologiche,…