-

Le proposte SIP-SIN per ridurre la mortalità neonatale

neonatologia

Accorpamento dei punti nascita sotto i 500 parti l’anno come previsto dall’Accordo Stato Regioni del 16 dicembre 2010; potenziamento delle Unità di Terapia Intensiva Neonatale; attivazione del servizio di trasporto per l’emergenza neonatale in tutte le regioni con ambulanze attrezzate e personale dedicato: sono le proposte della Società Italiana di Pediatria e della Società Italiana di Neonatologia per ridurre la mortalità neonatale, che ancora oggi nelle regioni meridionali risulta del 30% più elevata rispetto a quelle del Nord.
«La morte della piccola Nicole, consumatasi a bordo…

Contro l’eccesso di diagnostica in Piemonte potrebbe essere utile un Coordinamento regionale della Fisica sanitaria

radiologo

di Roberta Matheoud*

In riferimento all’articolo dal titolo “Troppi esami nella sanità piemontese, Saitta: ”Esiste un problema molto serio di inappropriatezza prescrittiva clinica e diagnostica”. pubblicato da Panoramasanità.it il 16 febbraio scorso, come gruppo regionale Piemonte-Valle d’Aosta dell’Associazione Italiana di Fisica Medica sentiamo di intervenire a sostegno delle affermazioni dell’Assessore Regionale alla Sanità Antonio Saitta.
La Fisica Medica è una disciplina che ha come principale finalità il corretto utilizzo e l’ottimizzazione delle pratiche…

Fondazione S. Lucia: L’inchiesta Mafia-Capitale non tolga il lavoro ai disabili

amadio-1

Il Direttore Generale della Fondazione Santa Lucia IRCCS, Luigi Amadio, lancia l’appello per salvare i 100 posti di lavoro di Inail-SuperAbile. «Attenzione alla Rupe Tarpea a scoppio ritardato».

«Il percorso di riabilitazione di una persona disabile non termina quando esce dall’ospedale, ma quando torna ad avere un lavoro e una vita sociale. Altrimenti è la Rupe Tarpea a scoppio ritardato». Lo ha dichiarato lo scorso 20 febbraio Luigi Amadio, Direttore Generale della Fondazione Santa Lucia, sottolineando la preoccupazione che i lavoratori di “SuperAbile” – il Contact Center…

Terapia del Dolore: presentato a Parma il primo Centro di riferimento individuato per l’Emilia Romagna

Centro-terapia-del-dolore_Fanelli-015

Oltre 16 mila prestazioni all’anno, 6 ambulatori, 6 posti letto dedicati, un progetto di ricerca farmaco-genomica che ha ricevuto fondi dalla Commissione Europea: questo l’identikit del Centro HUB parmense presentato il 21 febbraio alle Autorità locali. Grisendi, Direttore Generale: «Un riconoscimento che premia il lavoro clinico-assistenziale e di ricerca dei nostri professionisti». Fanelli, Direttore 2° Anestesia e Rianimazione dell’AOU di Parma e padre della legge 38: «Presso la nostra struttura sono partiti, 3 anni fa, i primi Master italiani in Terapia del Dolore e Cure Palliative».

Tre ricoveri per Haemophilus B all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù

vaccini

Torna a colpire un batterio assente da anni. Sotto accusa il calo delle vaccinazioni. Lorenzin: «Vaccini strumenti fondamentali di prevenzione».

Tre nuovi ricoveri per meningite da Haemophilus influenzae di tipo B all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù. Forma di meningite che si riteneva debellata. «Per questa malattia c’è un vaccino specifico che protegge i bambini dal rischio di contrarla – sottolinea Alberto Villani, Responsabile di Pediatria Generale e Malattie Infettive del Bambino Gesù – perciò riteniamo che la recrudescenza dei casi sia legata al calo delle vaccinazioni. In…

Rapporto sull’evento nascita in Italia: in media il 36,7% dei parti avviene con taglio cesareo, con notevoli differenze regionali

gravidanza2

Si conferma il ricorso eccessivo all’espletamento del parto per via chirurgica. In Italia in media il 36,7% dei parti avviene con taglio cesareo, con notevoli differenze regionali.
L’ 88% dei parti è avvenuto negli Istituti di cura pubblici ed equiparati, l’ 11,9% nelle case di cura private (accreditate o non accreditate) e solo lo 0,1% altrove. Il 19% dei parti è relativo a madri di cittadinanza non italiana. L’età media della madre è di 32,6 anni per le italiane mentre scende a 29,4 anni per le cittadine straniere. In media, il 36,7% dei parti avviene con taglio cesareo,…

Il Cdm approva il Ddl sulle liberalizzazioni: i farmaci con ricetta restano in farmacia

cdm

Lorenzin: «Aver evitato vendita farmaci di fascia C con ricetta in supermercati, vittoria dei cittadini».

Il Consiglio dei Ministri lo scorso 20 febbraio ha dato l’ok, su proposta del Ministro per lo sviluppo Economico, Federica Guidi, al disegno di legge che dà attuazione al provvedimento annuale sulla concorrenza previsto dalla legge “con l’obiettivo” si legge nella nota di Palazzo Chigi “di stimolare la crescita economica frenata dalla scarsa concorrenza nel settore dei servizi. Le liberalizzazioni fanno crescere del 3,3% il Pil in 5 anni secondo le stime del Fondo monetario internazionale,…

Smi: A Catania invece di combattere la malasanità si “perseguitano” i medici di famiglia per i farmaci prescritti contro l’osteoporosi

prescrizioni

Lo Smi dichiara lo stato di agitazione e minaccia lo sciopero dopo che l’Asp ha contestato le prescrizioni di oltre il 95% dei professionisti della provincia etnea. Inviata lettera all’assessore regionale alla sanità, Lucia Borsellino.
La segreteria nazionale del Sindacato dei Medici Italiani-Smi contesta duramente la decisione dell’Asp 3 di Catania di perseguire 937 medici di assistenza primaria (di famiglia) per presunte prescrizioni inappropriate di farmaci per l’osteoporosi. Per Pina Onotri, segretario generale Smi, «è incredibile che Catania sia di nuovo sulle pagine dei giornali,…

#giustOrario: Fp-Cgil lancia campagna su orario di lavoro in sanità

LocGIUSTORARIO

Medici e Infermieri pronti alla diffida legale, «Italia rispetti le regole europee».
“Se negli ultimi 10 anni il tuo orario di lavoro è stato fuori dalle regole europee e vuoi ricevere giustizia, il primo passo per difenderti e per vederti riconosciuti in futuro i giusti risarcimenti è la diffida legale, che con #giustOrario e la Fp-Cgil potrai effettuare gratuitamente, avvalendoti della competenza dello Studio Legale Michele Bonetti Avvocato & Partners”. Con una campagna diffusa nei posti di lavoro in sanità e sui social network, la Funzione Pubblica Cgil lancia #giustOrario,