top

Bimbo morto a Monza, Lorenzin: Bisogna rispettare la medicina e le verità scientifiche per fare il bene dei nostri figli

lorenzin10

«È dolorosissimo commentare la morte del bimbo di 6 anni a Monza che si sarebbe probabilmente salvato dalla leucemia ma che il morbillo ha ucciso perché essendo malato non poteva essere vaccinato. Succede, come dice la scienza, quando manca l’ immunità di gregge. Non serve aggiungere parole, bisogna rispettare la medicina e le verità scientifiche per fare il bene dei nostri figli. Sono vicina ai genitori e al loro immenso dolore». È quanto ha dichiarato il ministro della Salute Beatrice Lorenzin sul caso del bimbo, malato di leucemia, deceduto per complicanze polmonari

Case di cura accreditate (Aiop Lazio e Aris): Con accordo Cgil-Cisl e Uil flessibilità nei contratti di lavoro

faroni_1

Siglata intesa tra le organizzazioni degli imprenditori della sanità privata accreditata del Lazio, Aiop Lazio e Aris Lazio e Cgil-Cisl-Uil.

«L’accordo raggiunto, sforzo e atto di grande responsabilità sociale da parte dell’imprenditore in un momento di crisi, arriva dopo una trattativa durata circa 6 mesi e dopo un periodo, durato circa dieci anni, in cui le case di cura accreditate, a causa del piano di rientro, hanno subìto numerosi tagli; nonostante tutto hanno cercato di resistere e garantire lavoro – ha detto Jessica Veronica Faroni, Presidente AIOP Lazio

Fondo politiche famiglia 2017: Bonaccini, positiva l’intesa fra Stato, Regioni ed Enti locali

famiglia

“Oggi abbiamo raggiunto l’intesa Stato, Regioni ed Enti locali sul decreto di riparto del fondo per le politiche della famiglia 2017. E’ un risultato positivo perché queste risorse, pari a 2.780.000 euro, si integreranno con fondi regionali e saranno destinate ad azioni a favore della natalità, così come sono previste dalle programmazioni regionali, in accordo con i Comuni”, così il presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, ha commentato l’intesa raggiunta in Conferenza Unificata.

La tabella relativa al riparto fra le varie Regioni.

Politiche sociali, Bonaccini: Il Governo rispetta gli impegni.

welfare crisi

In arrivo 212 milioni per le Regioni.

“Buone notizie per le politiche sociali del nostro Paese. Il Governo rispetta l’impegno assunto con le Regioni e nel decreto sul reddito di inclusione, come misura nazionale di contrasto alla povertà, prevede 212 milioni attribuiti alle Regioni con gli stessi criteri di riparto e modalità del Fondo nazionale per le politiche sociali”, ad annunciarlo è il presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini. “Voglio ringraziare il Governo e in particolare il ministro Giuliano Poletti per un provvedimento particolarmente

Riorganizzazione Ssn, Cittadinanzattiva: promessa ancora disattesa per ospedali e territorio

tonino aceti 2

“Sono anni che assistiamo ad una riorganizzazione della rete ospedaliera, indicata dal DM70 del 2015, caratterizzata da razionalizzazione ed alleggerimento dei servizi, ma che sarebbe dovuta avvenire contemporaneamente ad un contestuale potenziamento dell’assistenza sanitaria territoriale. Ma, nei fatti, quello che è avvenuto è che abbiamo meno offerta ospedaliera e meno offerta di servizi territoriali, in controtendenza con i bisogni di salute della popolazione, soprattutto per persone con disabilità, malati cronici e non autosufficienza, che necessitano di

Troise (Anaao): Così muore la sanità pubblica al sud

troise_27nov2012_2

“Mentre la Campania attende da mesi, nell’immobilismo più totale, di conoscere il vincitore del braccio di ferro tra politici nazionali e regionali per la corona di responsabile della sanità locale, la Calabria” afferma l’Anaao Assomed “consuma la sopravvivenza del suo sistema sanitario per un blocco delle assunzioni tanto feroce quanto stupido, dopo l’ennesimo nulla di fatto al tavolo ministeriale. E le mille assunzioni promesse rimangono virtuali mentre restano a zero i nuovi medici negli ospedali della regione”. «Di fatto, in due

Quici (Cimo): Il cubismo della professione medica, l’ultima tendenza delle Regioni

Guido Quici

“Da una sanità a pezzi ai frammenti di una professione”.

Secondo la Cimo il documento elaborato dalla Commissione Salute delle  Regioni e presentato stamattina al Ministro Lorenzin, sottolinea, ancora una volta, il tentativo da parte dei Governatori di entrare a gamba tesa sullo stato giuridico e sulla carriera del personale del SSN, nonché sui percorsi di formazione già regolamentati a livello nazionale.  «Abbiamo l’impressione che l’obiettivo finale sia quello di avere manovalanza a costi sempre più bassi, in una sorta di ammucchiata tra le professioni

Atto di indirizzo medicina convenzionata, Magi (Sumai): «Richiesto incontro ufficiale a Saitta»

antonio-magi

Il Segretario generale degli specialisti ambulatoriali ha chiesto ufficialmente un incontro con il Coordinatore degli assessori alla salute per parlare del nuovo atto di indirizzo senza però ricevere ancora risposta. Eppure era stato proprio Saitta, in un incontro “informale” con la Fimmg, a ribadire  la necessità di “riconsiderare l’atto di indirizzo della medicina convenzionata” per arrivare “al rinnovo dell’Acn” prevedendo un “confronto con tutte le organizzazioni di rappresentanza dei medici convenzionati”. Lo scorso 8 giugno si è svolto un

Cannabis, Medici Cattolici: Etica è centrale ribadiamo no alla legalizzazione

filippo-boscia_amci-640x376

“La legalizzazione delle sostanze stupefacenti vale a dire la legittimazione da parte dello Stato del consumo individuale di cannabis a scopo voluttuario e non medico è assolutamente anticostituzionale perché lede i principi fondamentali della Carta e in particolare il comma 1 dell’art. 32 e il comma 2 dell’art 3. L’uso di sostanze, infatti, è in grado di minare fortemente lo sviluppo della persona, soprattutto dei giovani, e compromettere di fatto la possibilità di esercitare un’effettiva partecipazione alla vita sociale del Paese. Questi fondamentali principi