-

Bove (Aila) al ministro Lorenzin: in aumento fratture vertebrali, serve più vitamina D negli alimenti

vitamina d

«L’indebolimento della struttura ossea “porta a situazioni catastrofiche: il fenomeno a cui assistiamo è l’aumento delle fratture vertebrali, veri e propri crolli delle vertebre che determinano inabilità. Immaginate un palazzo di sette piani che crolla e pensate alla sofferenza, anche per le casse dello Stato. Se andiamo a indagare, i fratturati mostrano livelli insufficienti di vitamina D, scarsa negli alimenti e contenuta nei raggi solari, quelli a cuì gli anziani, ad esempio, si espongono col contagocce. Per questo chiediamo al Ministro della salute di aggiungere vitamina D negli alimenti e di riportarne la quantità contenuta sulle confezioni. Una strategia di prevenzione che non spetta alle case farmaceutiche ma alla sanità di stato e che andrebbe a ridurre quel miliardo di euro l’anno che ci costano i danni dell’Osteoporosi». Lo ha dichiarato Francesco Bove, presidente della Fondazione Aila per la lotta contro l’artrosi e l’osteoporosi e componente del Consiglio Superiore di Sanità, sul palco del teatro Quirino, dove ieri sera si è svolta la 13esima edizione del Premio Aila-Progetto Donna. «Come componente del gruppo di lavoro consultivo medico-scientifico creato dal ministro della Salute, ho chiesto alla Lorenzin di investire il Parlamento per istituire al più presto la Giornata italiana contro l’Osteoporosi, una proposta non più derogabile e a costo zero: proprio in funzione degli alti costi socio-sanitari legati all’osteoporosi, le misure di prevenzione diventerebbero vere misure di risparmio per il Paese. D’altronde – continua Bove – già il commissario Carlo Cottarelli nel 2011, incaricato di procedere con la spending review nel comparto pubblico, invitò a puntare di più sulla prevenzione e sulla promozione di migliori stili di vita, ad esempio con campagne contro fumo e abuso di alcol, o comunicazione sullo sport». Non ha potuto partecipare alla serata, ma ha inviato un lungo video-messaggio di saluto, il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, rivolgendosi agli amici dell’Aila “con infinita gratitudine. Grazie –ha dichiarato il Ministro- per l’attività incessante che fate sul territorio e per i successi ottenuti sul campo, aumentando la sensibilità delle donne sui temi della fragilità ossea. Vi seguo dal 1997 –ha aggiunto – da quando con il Prof. Bove decidemmo di portare le Moc nei centri anziani per un’analisi sul posto.” “Ribadisco il messaggio: quanto sia importante prevenire, obiettivo non solo italiano ma di tutta l’Unione Europea, e far comprendere l’importanza della diagnosi precoce, per la vita di tutti noi”.

Print Friendly, PDF & Email