-

Asl To 3: negli ospedali di Pinerolo e Rivoli arriva il Bed Manager

posto letto

Sono ancora poche in Italia le aziende dotate della figura del Bed manager; una figura nuova e strategica, che il Direttore Generale dell’Asl TO3 Gaetano Cosenza ha deciso di sperimentare negli ospedali di Pinerolo e Rivoli per migliorare il flusso dei pazienti, evitare letti vuoti e ridurre così l’attesa nei corridoi del Pronto Soccorso; “finora” spiega l’Azienda sanitaria “dal pronto giungevano le richieste di ricovero un po’ a tutti i reparti, alla ricerca di un posto libero per assicurare l’avvìo del percorso di cura a pazienti in attesa sulle barelle nei corridoi. Non solo, ma la ricerca di un posto di ricovero giungeva finora ai vari reparti da parte di Specialisti, da Medici di Famiglia, da Istituti residenziali esterni, da altri Ospedali ecc. L’istituzione del Bed manager si rende ora possibile anche come completamento del riordino dei ricoveri per intensità di Cura e Assistenza: com’è noto negli ospedali di Pinerolo e Rivoli (e prossimamente anche a Susa) sta andando a regime il nuovo sistema organizzativo che ha di fatto abolito le suddivisioni delle attività di ricovero nelle aree chirurgiche e mediche per singoli reparti a favore di ampie aree suddivise per diversa intensità di cura e assistenza (area ricoveri di elezione con bassa e media intensità, area ricoveri di alta complessità, chirurgia d’urgenza). Solo a titolo di esempio, nell’Ospedale di Pinerolo dove l’organizzazione per intensità di cura è stata attivata già nello scorso autunno, solo da Settembre a Dicembre 2013 le persone operate sono state 280 in più dello stesso periodo 2012, con un incremento del 18% e conseguente abbattimento delle liste di attesa. Il Bed manager diviene di fatto il centro di coordinamento dell’intero flusso dei pazienti in entrata ed uscita dai percorsi di ricovero; tutte le richieste di posti letto di ricovero giungono a tale figura (e non più ai singoli reparti) la quale, grazie ai sistemi informatici di rete dispone della situazione dei posti letto al momento disponibili in tutto l’Ospedale in tempo reale; monitorizza quotidianamente le dimissioni e collabora in modo sinergico con il Nucleo Ospedaliero di Continuità delle Cure per facilitare la continuità del percorso del paziente anche fuori dell’Ospedale. Il Bed manager assume rilevanza particolare anche in periodi di sovraffollamento (iper-afflusso al pronto soccorso, epidemie influenzali, necessità di ricoveri urgenti ecc.) “cercando posti anche in altri Presidi aziendali in un’ottica di sinergia a “rete”. Viene data” prosegue Asl To3 “anche maggiore trasparenza nell’utilizzo dei posti letto, evitando i rischi di agevolazioni a vantaggio di singoli pazienti, raccomandazioni di sorta, clientelismo, circostanze che a volte possono stravolgere le priorità di ricovero che devono essere invece improntate sul reale bisogno del paziente. L’obiettivo prioritario (ma non unico) è dunque quello di razionalizzare l’occupazione dei posti letto di ricovero: attualmente l’indice di occupazione complessivo è del 76% su 384 posti letto a Rivoli e del 77% su 289 posti letto a Pinerolo ma con variazioni notevoli fra l’area Medica (già vicina al 100% di occupazione) che necessita di una maggiore rotazione dei pazienti e l’area chirurgica che richiede una migliore programmazione degli interventi e dei ricoveri correlati, con riduzione delle attese al pronto soccorso, e ricadute positive anche sull’incremento potenziale dei pazienti operati e ricoverati. Si sta parlando della gestione di flussi di pazienti pari a 16.500 ricoveri nel 2013 a Rivoli e di 12.400 ricoveri nel 2013 a Pinerolo”.

Print Friendly, PDF & Email