-

Nomine Direttori Asl, Lorenzin: un albo nazionale per scegliere i manager della sanità

lorenzin

«La nomina dei direttori generali credo debba avvenire su criteri più forti ancora di quelli del decreto Balduzzi, penso a un albo dei manager con criteri molto molto alti» e da cui scegliere attraverso «parametri e obiettivi di performance, che vengono giudicati non solo dalle Regioni ma anche dal Ministero della Salute». Lo ha detto il ministro della Salute Beatrice Lorenzin che torna a parlare di nuovi sistemi di controllo nelle nomine dei vertici delle Asl anche in merito a quanto finora emerso nell’inchiesta su Expo 2015. Inoltre Lorenzin ha annunciato che porterà in Consiglio dei ministri «la questione dei farmaci costosi, come quelli per la cura dell’epatite C o gli oncologici». Necessario, secondo il Ministro, garantire l’accesso ai farmaci innovativi da parte di tutti i cittadini. Ma il progressivo arrivo sul mercato di farmaci sempre più avanzati per la cura di malattie gravi (come i tumori o l’epatite virale) pone anche il problema della sostenibilità della spesa farmaceutica. Si tratta di un tema ha spiegato Lorenzin che «viene discusso anche a livello europeo e riguardo al quale dobbiamo pensare anche a diverse soluzioni di pagamento delle industrie da parte dei Governi. Si tratta di scelte molto importanti che il ministro della Salute non può prendere da solo. Per questo ho chiesto al sottosegretario De Vincenti di aprire un tavolo presso il ministero dello Sviluppo economico per stabilire in che modo portare avanti le trattative sui prezzi». Infine Lorenzin ha fatto riferimento al ruolo delle farmacie che «va potenziato» sostenendo che la “farmacia dei servizi” è uno dei possibili modelli di assistenza sanitaria di primo livello da poter applicare nell’ottica della territorializzazione dei servizi sanitari.

Print Friendly, PDF & Email