-

Lombardia: un Libro Bianco per lo sviluppo del sistema socio-sanitario

roberto maroni

Maroni: Entro fine giugno il documento, a fine 2014 la riforma.

Un “Libro Bianco” per definire lo sviluppo del sistema socio-sanitario lombardo. Lo ha annunciato oggi, in Consiglio regionale, il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni. Il testo sarà pronto entro fine giugno e quindi verrà presentato alle parti sociali, per poi costituire, entro la fine di luglio, la base di una o più Proposte di legge da presentare all’esame dell’Assemblea. L’obiettivo auspicato è di «arrivare all’approvazione della riforma entro la fine dell’anno».
«Si è dunque intervenuti nella maniera più appropriata e lo si è fatto in modo tempestivo. Il sistema socio-sanitario lombardo – ha ribadito il governatore – non è stato minimamente toccato da queste vicende». «Il nostro – ha sottolineato – è un sistema di eccellenza, nella qualità della spesa e nell’erogazione dei servizi. Ed è un’eccellenza che ci viene riconosciuta da tanti, da ultimo, solo ieri, dal presidente di Assolombarda, che, nella sua relazione durante l’Assemblea annuale, alla presenza del sottosegretario Graziano Delrio, ha citato la Regione Lombardia, chiedendo al Governo di estendere il nostro modello di spesa complessiva a tutte le Regioni e sostenendo che, secondo i loro calcoli, se questo avvenisse, si risparmierebbero 83 miliardi di euro. Tengo a sottolineare questi aspetti, per tutelare la professionalità, l’onorabilità e la competenza, dei tanti che lavorano nel nostro sistema socio-sanitario».
ANTICIPAZIONE RIFORMA – Aprendo l’ampio capitolo della riforma del sistema socio-sanitario lombardo, Maroni ha anticipato che sarebbe meglio parlare di ‘sviluppo’ del sistema, perché il termine ‘riforma’ «presuppone qualcosa che non funziona». Il nostro invece, ha ribadito, «è un sistema di eccellenza, che però va adeguato alle nuove necessità. Per fare questo, non oggi o ieri, ma il 16 luglio 2013, abbiamo chiesto al professor Veronesi di costituire una Commissione di ‘saggi’, che il mese scorso ci ha consegnato il suo lavoro. Un risultato eccellente, che abbiamo messo alla base del lavoro congiunto dei due Assessorati competenti, quello della Salute e quello della Famiglia, Solidarietà sociale e Volontariato. Ora stiamo definendo nei dettagli il ‘Libro Bianco sul sistema socio-sanitario lombardo’, che sarà pronto entro la fine di giugno».
FARE BENCHMARK – Un documento, ha proseguito il governatore, «che si articola in due parti fondamentali. La prima è l’illustrazione del sistema attuale, con i suoi punti forti e con i suoi punti deboli, facendo benchmark con le altre Regioni italiane, ma, soprattutto, con le altre realtà europee. La nostra ambizione è di essere la prima Regione d’Europa da questo punto di vista».
CINQUE CAPITOLI – Il presidente ha quindi citato i cinque capitoli del ‘Libro Bianco’: Il modello sanitario e socio-sanitario lombardo, il quadro di sistema’; ‘Il contesto di riferimento, evoluzione dei bisogni e sfide da affrontare’; ‘Attività svolte nel primo anno di legislatura’; ‘Linee guida per lo sviluppo del sistema’; ‘I risultati attesi’.
PRINCIPI ISPIRATORI – Maroni quindi ha voluto spiegare quali sono stati i “principi ispiratori” del documento. «Il primo – ha detto – è il principio di libera scelta da parte dei cittadini, che possono decidere consapevolmente dove farsi curare e assistere”. Il secondo principio, ha proseguito, “è invece una modifica del sistema, cioè passare dalla ‘cura’ al ‘prendersi cura’, del malato. Dobbiamo procedere a una maggiore e migliore integrazione sul territorio degli ospedali con i servizi alla persona».
COSTI STANDARD – Facendo riferimento alla “battaglia vinta” dei costi standard, il governatore ha ricordato che questo cambiamento, nei soli primi due mesi del 2013, ha corrisposto alla Regione Lombardia un vantaggio di 54 milioni di euro, che sono stati usati per togliere i ticket farmaceutici a 800.000 Lombardi, a partire dal primo di aprile. «In questi giorni – ha fatto notare – sui giornali è uscito che la Lombardia è la Regione con la maggiore spesa per ticket farmaceutici. In valore assoluto è vero, ma, se analizziamo il dato pro-capite, ci sono dieci Regioni davanti a noi, dove i cittadini spendono di più». «Il nostro obiettivo – ha confermato – è comunque quello di far spendere sempre meno i Lombardi per i ticket farmaceutici».
REVISIONE DEL QUADRO NORMATIVO – La modifica delle leggi regionali che organizzano il sistema socio-sanitario, ha poi informato Maroni, avverrà sulla base di sei linee guida: ‘Completamento e piena definizione di un modello a rete, per l’assistenza sanitaria, socio-sanitaria e sociale, ospedaliera e territoriale’; ‘Valutazione multi-dimensionale del bisogno delle persone fragili’; ‘Definizione di un assetto organizzativo in grado di consolidare l’asse di cura dall’ospedale al territorio e conseguente creazione di un polo territoriale caratterizzato da prossimità, presa in carico e continuità delle cure’; ‘Separazione delle funzioni di erogazione delle prestazioni socio-sanitarie, programmazione sanitaria e socio-sanitaria e controllo sulle strutture sanitarie’; ‘Riforma del sistema degli approvvigionamenti con la creazione di una stazione unica appaltante’; ‘Nuovo sistema delle nomine’. Su quest’ultimo capitolo il governatore ha richiamato «il dovere di prendere decisioni che spetta a chi è stato eletto nelle Istituzioni», specificando che le nuove nomine avverranno «sulla base di requisiti di alta professionalità, perché chi viene a lavorare nel sistema socio-sanitario lombardo, deve avere requisiti di eccellenza, che saranno giudicati e valutati da una Commissione di esterni, che farà anche una valutazione sulle capacità, in base alla quale noi sceglieremo».
IL CRONOPROGRAMMA – Il governatore infine ha fatto sapere qual è il cronoprogramma della riforma: «Entro fine giugno – ha spiegato – ultimeremo la definizione del ‘Libro Bianco’, che porteremo alla valutazione delle parti sociali. Entro fine luglio, prima della chiusura estiva del Consiglio, vogliamo tradurre quanto contiene il ‘Libro Bianco’ in una o più Proposte di legge da presentare in Consiglio. Mi piace pensare che l’Assemblea possa approvare definitivamente la riforma del sistema socio-sanitario lombardo entro fine anno». «In questo non c’è alcun diktat della Giunta – ha precisato -, anzi, il Consiglio, maggioranza e opposizione, sarà molto coinvolto».

 

Print Friendly, PDF & Email