-

Chiamparino (Piemonte): tra le priorità diminuire le liste di attesa, attirare investimenti, promuovere una sanità pubblica sostenibile

sergio chiamparino

«I principali obiettivi sono garantire alle persone uno stato di salute sempre migliore, diminuire le liste di attesa, attirare investimenti, promuovere una sanità pubblica sostenibile sul piano finanziario ed evitare di appesantire il carico fiscale, e se possibile riducendo i ticket. La programmazione va costruita con i sindaci e tutti i protagonisti del sistema sanitario». È quanto ha detto in tema di sanità il presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino illustrando al Consiglio regionale, nel corso della seduta dell’8 luglio, il programma di governo che la Giunta perseguirà nei prossimi cinque anni. «L’integrazione tra pubblico e privato è possibile, a condizione» ha aggiunto Chiamparino «che indirizzi e controlli pubblici siano puntuali e efficaci e che i privati concorrano al loro raggiungimento. Per realizzare queste linee, occorre riorganizzare la rete ospedaliera integrando la rete territoriale con gli ospedali, rilanciando la prevenzione e i modelli positivi negli stili di vita. La medicina di base deve essere la prima tappa della presa in carico (e non dello ‘scarico’) del paziente, attraverso un lavoro integrato e organizzato che non si limiti alla produzione di ricette. Una efficiente rete di strutture di emergenza e un’adeguata continuità assistenziale può consentire anche il mantenimento di presidi sul territorio, in grado di accogliere e i pazienti e le loro famiglie. È altrettanto importante centralizzare gli acquisti e compiere un attento esame della situazione edilizia dei nostri ospedali. Le Città della Salute di Torino, nell’area del Lingotto, e di Novara e il decollo dei nuovi ospedali di Biella e di Alba-Bra sono al centro di questo progetto. Mancano i fondi nel Patto nazionale per la salute, ma non ci scoraggiamo perché troppi ospedali hanno più di 70 anni ed è necessario un graduale rifacimento con risorse pubbliche e private».

Print Friendly, PDF & Email