-

Un test del DNA permetterà di provare se una persona ha subito violenza o maltrattamenti

donna

Sarà presentato domani dell’ospedale Molinette della Città della Salute e della Scienza di Torino, in occasione del Convegno “La salute della donna vittima di violenza: la prova dei maltrattamenti e le conseguenze psicologiche”. 

Arriverà in Italia un test del DNA che permetterà, come già accade negli USA, di sapere se una persona è stata vittima di violenza e maltrattamenti e da quanti anni lo è. Questo rivoluzionario test verrà presentato venerdì 19 settembre 2014 dalle ore 8,45 alle ore 18, presso l’Aula Magna A.M. Dogliotti dell’ospedale Molinette della Città della Salute e della Scienza di Torino, durante il Convegno “La salute della donna vittima di violenza: la prova dei maltrattamenti e le conseguenze psicologiche”, organizzato da Patrizio Schinco (responsabile Centro Demetra dell’ospedale Molinette), Beatrice Rinaudo (penalista e tributarista) e Silvia Donadio (responsabile Centro Soccorso violenza sessuale dell’ospedale Sant’Anna di Torino). Parteciperanno esperti in materia, quali Magistrati della Procura della Repubblica di Torino, Criminologi, Giudici di Famiglia, Psicologi, Medici Legali. L’esecuzione del Test della lunghezza dei Telomeri (possibile con costi limitati ed ormai alla portata di numerosi Laboratori) potrebbe documentare con elevata specificità una storia di maltrattamento ed abuso al di là di ogni ragionevole dubbio. Attualmente questo test non viene eseguito in strutture pubbliche a scopo diagnostico, ma lo è per ricerca (anche a Torino ad esempio) e la sua esecuzione potrebbe essere richiesta a scopo sia clinico che giudiziario. I casi di violenza e maltrattamenti che transitano presso l’ospedale Molinette della Città della Salute e della Scienza di Torino sono purtroppo in costante aumento. L’analisi provvisoria dei dati del 2014 fino a giugno ha mostrato un incremento valutabile intorno al 15% .

Print Friendly, PDF & Email