-

Convenzione, Smi: Unità per difendere la categoria, altro che interessi di bottega

Pina Onotri2

Sulla convenzione lo Smi ancora una volta apre al dialogo a tutti i sindacati medici nonostante gli attacchi ricevuti. Pina Onotri, Smi: «Qualche sindacato deve superare la sindrome del marchese del grillo: è nell’interesse della sanità pubblica, dei cittadini e dei medici». Convocata per il prossimo martedì (12 luglio) la segreteria straordinaria dello Smi a Roma e una conferenza stampa per presentare un parere giuridico sull’atto di indirizzo.

Ulteriore richiamo al dialogo per difendere la sanità pubblica e i medici italiani, convocazione di una segreteria nazionale straordinaria e di una conferenza stampa, il prossimo 12 luglio a Roma, sul prosieguo delle trattative con la Sisac per il rinnovo della Convenzione di medicina generale. Questi i punti fermi tracciati da Pina Onotri, Segretario generale Sindacato dei Medici Italiani, che nonostante gli ultimi attacchi subiti dallo Smi, insiste: «La polemica può essere utile, basta avere una sana cultura democratica e liberale. Purtroppo in questi mesi a fronte di una ricerca di dialogo e sintesi, almeno da parte della mia sigla sindacale (ma non solo), si è contrapposto da parte di alcuni sindacati la logica dello scontro e, se mi consentite una citazione, la famigerata sindrome del Marchese del Grillo. Tuttavia, visto che il nostro compito è quello di difendere i medici italiani, e i cittadini, tanto dallo smantellamento costante della sanità pubblica, quanto dai continui attacchi alla nostra professionalità, siamo ancora qui a ribadire l’importanza di una azione comune, pur nelle nostre storiche differenze». Onotri, quindi, replica, ancora una volta, sull’Atto di indirizzo. «Insistiamo è illegittimo, in quanto alla critiche ricordiamo agli improvvisati ‘giuristi’ della Fimmg che questo tipo di provvedimento non si può impugnare e che la nuova Convenzione ancora non è stata firmata, quindi si potrà ricorrere ai tribunali solo in un secondo momento. Tuttavia, per dare anche un contributo giuridico e di merito, martedì prossimo presenteremo un parere pro veritate  che conferma, appunto, le nostre preoccupazioni sull’evidente contrasto con la Legge Balduzzi e con il Patto per la Salute. Ne parleremo nel corso di una Conferenza Stampa che terremo alle 15.00 (via Livorno 36, sede dello Smi, per info: 0644254168)».

 

Print Friendly, PDF & Email