-

Fismu: A Cosenza, in Emergenza-Urgenza, mancano i medici e l’azienda comincia il balletto dei trasferimenti

fismu

La denuncia di Fismu che ha respinto al mittente la procedura: “È irregolare. Si rispetti il contratto e si assumano più medici. Basta soluzioni improvvisate e professionisti usati come tappabuchi”.

La Federazione Italiana Sindacale Medici Uniti-Fismu ha rispedito al mittente con decisione la richiesta da parte dell’Azienda di Cosenza, su iniziativa del Direttore di Centrale di Emergenza Urgenza, di “sottoporre a visita medica (medicina del lavoro) i medici dichiarati inidonei ai mezzi di soccorso per nuova ricollocazione nei PUNTI DI PRIMO INTERVENTO. Tutto ciò”, denuncia il sindacato, “senza rispettare le procedure e i contratti, e senza affrontare il vero problema che è l’insufficiente, e cronico, deficit di personale in questa area strategica della sanità pubblica. L’azienda ha ancora una volta fatto ricorso a scelte dettate dall’emergenzialismo, a danno di medici che dovrebbero essere inviati a lavorare a 80/90 chilometri da casa. Il tutto – ribadisce Fismu – a scapito dello stesso accordo di lavoro. Assunzioni, assunzioni, assunzioni. Questa la richiesta di Fismu, che ha minacciato di ricorrere alle vie giudiziarie se si prosegue su questa strada”.

Print Friendly, PDF & Email