-

Coronavirus, Lena (Lazio): Da Regione nuove misure per i più deboli

assistenza5

La Regione Lazio ha appena approvato una delibera per unificare e rendere più efficaci i servizi e gli interventi sociali durante l’emergenza del Covd-19.

Lo annuncia Rodolfo Lena, presidente della Commissione Affari istituzionali e componente della Commissione Sanità del Consiglio Regionale del Lazio “Potenziato il Pronto Intervento Sociale per offrire una risposta concreta e urgente a situazioni di emergenza che mettono in pericolo l’integrità, l’incolumità e la dignità di persone. Il servizio – spiega Lena – è reperibile telefonicamente 24 ore su 24 per 365 giorni l’anno e opera in collegamento con il sistema di emergenza sanitaria anche mettendo a disposizione luoghi di accoglienza temporanea diurna e notturna. Sappiamo che, maggiormente quando si verificano situazioni di emergenza come quella che stiamo vivendo, i cittadini che già soffrono l’isolamento sociale, diventano ancora più fragili e bisognosi. Si tratta di persone anziane, o affette da disturbi psichiatrici e gravi patologie, nuclei monofamiliari con minori o persone senza fissa dimora prive del sostegno di reti familiari, amicali e di vicinato; e ancora, di nuclei familiari rimasti senza servizi e occasioni di aggregazione e cura per effetto della sospensione delle attività. Per sostenere queste categorie di persone gli enti locali devono attivare quanto prima un numero verde a cui possono rivolgersi sia i diretti interessati sia i cittadini che sono a conoscenza di situazioni di fragilità e intendono segnalarle. Voglio ricordare – conclude Lena – che sono sospese le attività dei centri anziani e dei centri per famiglie ma proseguono quelle di assistenza domiciliare ai minori, ai disabili e agli anziani e le attività di accoglienza notturna con possibilità di estensione anche diurna. Ovunque stiamo potenziando i servizi di teleassistenza e telecontrollo per anziani soli e nuclei familiari maggiormente esposti al rischio di solitudine e di disagio. In questo particolare momento non vogliamo che nessuno si senta solo”.

Print Friendly, PDF & Email