-

Coronavirus: Al Bambin Gesù consulenze a distanza per bambini e famiglie

OPBG - consulenze tel online A4(vert)-01

Servizi dedicati anche per parlare con i neonatologi, gli allergologi, i nutrizionisti e gli psicologi.

Nel periodo di sospensione delle attività ambulatoriali non urgenti disposto dalla Regione Lazio, l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù potenzia i servizi di consulenza a distanza per dare risposte ai problemi di salute dei piccoli pazienti costretti a casa per l’emergenza coronavirus. Pediatri, neonatologi, allergologi, nutrizionisti e psicologi saranno a disposizione, al telefono o via web, per dare informazioni e suggerimenti alle famiglie e soprattutto per verificare che durante la quarantena non vengano trascurate terapie, ignorati segnali di altre patologie o rimandati controlli in Ospedale che invece possono rivelarsi necessari. Potenziati anche i servizi di telemedicina per i malati cronici seguiti dagli specialisti del Bambino Gesù. L’appello della presidente Mariella Enoc: «State a casa con i vostri bambini, ma non rimandate i controlli in Ospedale quando sono urgenti o importanti per altre patologie». Più in generale, tutte le unità operative del Bambino Gesù si stanno attivando per assicurarsi sulle condizioni di salute dei bambini con patologie croniche o ricoveri programmati. Sono state potenziate, in particolare, le attività di telemedicina e telemonitoraggio che coinvolgono centinaia di bambini e ragazzi seguiti dagli specialisti di Aritmologia, Fibrosi Cistica, Diabetologia e Broncopneumologia. «In questo periodo di isolamento segnato dall’impossibilità o dal timore di uscire di casa – afferma la presidente dell’Ospedale, Mariella Enoc – dobbiamo evitare che vengano sottovalutati segnali importanti che riguardano purtroppo altre patologie, che vengano trascurate le terapie o si decida magari di rinviare, per paura del contagio, accessi urgenti al pronto soccorso o appuntamenti medici necessari. Voglio rassicurare le famiglie che l’accesso in Ospedale e le prestazioni sanitarie avvengono nella massima sicurezza. È importante quindi che tutti rispettiamo le indicazioni delle autorità a restare a casa con i nostri bambini, seguiamo attentamente i consigli per evitare il contagio, ma non mettiamo a repentaglio la salute se ci sono altre patologie da curare o controlli importanti da rispettare. Confrontatevi sempre con i vostri medici curanti».

Print Friendly, PDF & Email