-

Cnr-Ibf e Icgeb insieme nel progetto Farmacovid

farmaceutica

Alla ricerca di un farmaco efficace per poter finalmente ripartire e vincere la battaglia contro il Covid-19.

In una corsa contro il tempo, i ricercatori dell’Istituto di biofisica (Ibf) del Cnr di Milano Eloise Mastrangelo e Mario Milani sono impegnati nella ricerca di un farmaco efficace assieme ai colleghi del laboratorio di virologia molecolare, guidato da Alessandro Marcello, del Centro internazionale di ingegneria genetica e biotecnologia (Icgeb) di Trieste -istituzione di ricerca internazionale di altissimo livello che conta 66 Stati membri, impegnati nella ricerca innovativa volta a promuovere lo sviluppo sostenibile. “Il progetto ‘Farmacovid’  – spiega il Cnr – nasce dalla consolidata esperienza del Cnr-Ibf nello studio della struttura e dei meccanismi alla base dei sistemi biologici. Nella sede di Milano dell’Istituto, infatti, già dal 2005 l’Unità di biologia strutturale studia la caratterizzazione e l’inibizione del meccanismo replicativo dei virus a RNA attraverso studi strutturali e funzionali delle proteine coinvolte nella replicazione virale. In particolare, le attività di ricerca comprendono le prime fasi dello sviluppo di farmaci antivirali, studiandone struttura e azione a livello atomico e molecolare: questo tipo di competenze è essenziale per “bersagliare” obiettivi mirati come le strutture proteiche dei virus, e trovare farmaci secondo un criterio razionale. Il laboratorio di virologia molecolare dell’Icgeb di Trieste, invece, è esperto nello studio dei meccanismi dell’infezione e nello sviluppo di metodi di rilevazione dei virus: tra i risultati scientifici più importanti, il sequenziamento del genoma virale isolato tra i primi malati italiani di Covid-19 e la sua caratterizzazione. Esperienza e tecniche di ultima generazione sono punti di forza per lo studio di potenziali antivirali su cellule umane. Nell’immediato, la ricerca prevede di riproporre alcuni farmaci già in uso sull’uomo o dotati di proprietà farmacologiche note: in particolare, il Cnr-Ibf ha selezionato un insieme di composti candidati sulla base di metodi computazionali di screening virtuale, applicati direttamente su bersagli proteici di SARS-CoV-2. Di questi candidati, i ricercatori Icgeb stanno studiando l’attività antivirale direttamente su cellule umane infettate da COVID-19. Infine, una ulteriore selezione di candidati antivirali verrà caratterizzata prima dei test sui pazienti. Inoltre, i ricercatori – conclude il Cnr  – intendono estendere la ricerca ad eventuali mutazioni del Coronavirus: per questo le ricerche comprenderanno anche l’analisi di regioni variabili del genoma di SARS-CoV-2, la produzione di varianti proteiche virali e il loro studio approfondito. Tale approccio permetterà nel lungo termine la progettazione razionale di nuovi antivirali, dimostrando come la ricerca possa aiutare ad affrontare le emergenze in maniera sostenibile”.

Print Friendly, PDF & Email