-

Il cambiamento climatico è una crisi tanto grave quanto Covid-19

Clima

Secondo un sondaggio Ipsos due terzi dei cittadini di tutto il mondo concordano che il cambiamento climatico è una crisi tanto grave quanto il Coronavirus e vogliono che le azioni di ripresa economica diano la priorità ai cambiamenti climatici.

Un nuovo sondaggio Ipsos, condotto in 14 Paesi ha rilevato che globalmente il 71% dei cittadini – e il 72% degli italiani – concorda che il cambiamento climatico è un evento grave tanto quanto la pandemia. L’indagine mostra un ampio sostegno alle azioni dei governi per dare priorità al cambiamento climatico nella ripresa economica dopo il Covid-19, con il 65% degli intervistati a livello globale che concorda sull’importanza di questo aspetto. La maggioranza dell’opinione pubblica mondiale (68%) è d’accordo sul fatto che se i governi nazionali non agiscono ora per combattere il cambiamento climatico, deluderanno i propri cittadini e il 57% afferma che sarebbe scoraggiato dal votare per un partito politico le cui politiche non prendono sul serio il cambiamento climatico. Il cambiamento climatico rimane il problema ambientale più importante a livello globale, con il 37% che lo cita come uno dei tre principali problemi ambientali. Altre questioni ambientali importanti per i cittadini sono l’inquinamento atmosferico (33%) e la quantità di rifiuti che generiamo (32%), seguiti dalla deforestazione (26%) e dall’inquinamento idrico (25%). La preoccupazione per le prime quattro questioni è aumentata da due anni. Secondo la ricerca inoltre la maggior parte dei cittadini è disposto ad esercitare il proprio potere d’acquisto: evitare prodotti che hanno molti imballaggi è il cambiamento più popolare, con il 57% a livello globale e condiviso dal 58% dei cittadini italiani. Evitare di acquistare nuovi prodotti condiviso dal 52% dei cittadini globali, risparmiare energia in casa (50%), riciclare (49%) e risparmiare acqua in casa (49%). Anche in questo caso, le opinioni dei cittadini italiani sono molto in linea con quanto affermato dai cittadini a livello mondiale. Il sondaggio è stato condotto online tra oltre 28.000 adulti tra il 16 aprile e il 19 aprile 2020.

Print Friendly, PDF & Email