-

Lazio. Magi (Sumai): La Regione invita le Asl a rispettare l’Acn nell’assegnazione delle ore

medico

«Mi auguro che il rispetto dell’Acn avvenga non solo nel Lazio ma in tutte le altre regioni d’Italia» sottolinea il segretario del Sumai.

Una nota della Regione, firmata dal dirigente dell’Area Barbara Solinas e dal direttore regionale Renato  Botti, facendo seguito alla richiesta del SUMAI Assoprof, invita le Aziende al rispetto dell’Acn della specialistica ambulatoriale interna ratificato il 31 marzo scorso. “In particolare la nota regionale – spiega il Sumai-  invita ad applicare l’art 3, comma 7, dell’Acn il quale prevede che le Aziende “per l’erogazione delle prestazioni specialistiche si devono avvalere degli specialisti ambulatoriali, dei veterinari e dei professionisti di cui al all’accordo utilizzando interamente le ore di attività formalmente deliberate in sede aziendale”. L’accordo, infatti, stabilisce che ciascuna azienda, prima di procedere alla pubblicazione degli incarichi, verifichi la possibilità di completare l’orario degli specialisti ambulatoriali, veterinari e professionisti, già titolari a tempo indeterminato presso l’Azienda stessa nella medesima branca o area professionale, con le modalità indicate all’art. 20 comma 1 e 2 e successivamente con le modalità di cui al comma 3 pubblicando i turni orari per l’assegnazione da graduatoria. «Siamo soddisfatti di questa nota – riferisce il segretario del SUMAI Assoprof, Antonio Magi – per due motivi. Il primo, perché consente un risparmio economico e ci permette di snellire più rapidamente le liste d’attesa e il recupero delle prestazioni non erogate durante l’emergenza Covid; secondo perché si invitano le Aziende al rispetto dell’Acn e all’utilizzo degli specialisti ai sensi dell’articolo 4 e cioè per il piano nazionale delle cronicità, per il governo delle liste d’attesa, per evitare l’accesso improprio al pronto soccorso, per la prevenzione vaccinale e la lotta alla antibiotico-resistenza. Mi auguro che il rispetto dell’Acn avvenga non solo nel Lazio ma in tutte le altre regioni d’Italia in quanto la specialistica ambulatoriale convenzionata interna è una componente fondamentale, assieme alla medicina generale, nella sanità territoriale soprattutto per la gestione e la presa in carico dei malati cronici che non necessitano di ricovero».

Print Friendly, PDF & Email