-

Un registro dei talenti nel campo della cibersicurezza

Women4Cyber

La Commissione europea ha inaugurato Women4Cyber, il primo registro delle donne europee operanti nel campo della della sicurezza informatica, che collegherà i gruppi di esperti, le imprese e i responsabili politici ai talenti in questo ambito.

Il registro, spiega la Commissione, è una banca dati aperta e facile da usare di donne con competenze in materia di cibersicurezza e mira a soddisfare la crescente domanda di professionisti del settore in Europa e a colmare la relativa carenza di talenti. L’inaugurazione del registro segue l’agenda per le competenze per l’Europa sulla competitività sostenibile, l’equità sociale e la resilienza, presentata dalla Commissione il 1° luglio. «La cibersicurezza – ha dichiarato Margrethe Vestager, Vicepresidente esecutiva per un’Europa pronta per l’era digitale- ci riguarda tutti. Le donne portano esperienza, punti di vista e valori nello sviluppo delle soluzioni digitali. È importante sia arricchire il dibattito che rendere il ciberspazio più sicuro» Margaritis Schinas, Vicepresidente per la Promozione dello stile di vita europeo, ha aggiunto: «Nel settore della cibersicurezza vi è un’enorme carenza di competenze. Questa carenza di talenti è aggravata dalla mancanza di una rappresentanza femminile nel settore. L’agenda per le competenze aggiornata, adottata dalla Commissione la settimana scorsa, mira a colmare queste lacune. Una forza lavoro diversificata contribuirà sicuramente a una cibersicurezza più innovativa e solida. Il registro inaugurato sarà uno strumento utile per promuovere le professioniste del settore e creare un ecosistema della cibersicurezza più diversificato e inclusivo». «Nel corso degli anni abbiamo promosso varie iniziative di successo per aumentare la formazione nelle competenze digitali, in particolare nel settore della cibersicurezza. I team che si occupano di cibersicurezza devono integrare competenze diverse, dalla scienza dei dati, all’analisi, alla comunicazione. Il registro è uno strumento che mira ad accrescere l’equilibrio di genere nella forza lavoro del settore» ha evidenziato Thierry Breton, Commissario per il Mercato interno. Il registro, che delinea vari profili e mappa diverse aree di competenza, è accessibile a tutti e sarà aggiornato periodicamente.

Print Friendly, PDF & Email