-

Anelli (Fnomceo): Bene Speranza su piano straordinario investimenti. Ora riforma del Ssn

anelli22

«Ora, grazie all’Europa, le risorse ci sono, e altre potrebbero essere messe in campo: chiediamo al Governo di investirle con coraggio, puntando sui professionisti, e superando politiche ormai obsolete, come quelle dei Distretti» afferma il presidente della Federazione.

«Apprezziamo le parole del Ministro della Salute Roberto Speranza che, durante il Question Time al Senato, ha annunciato un vero e proprio piano straordinario di investimenti per recuperare le liste d’attesa». A parlare è il Presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici (Fnomceo), Filippo Anelli, commentando l’intervento di ieri pomeriggio del Ministro. «È vero, l’epidemia di Covid-19 non ha fermato le altre malattie, così come è vero che ha acuito le disuguaglianze di salute- spiega Anelli -. Molti cittadini sono stati costretti a rimandare le visite, e le liste d’attesa si sono ulteriormente allargate. Ora è il momento di risolvere questo problema, che affligge da anni il nostro servizio sanitario nazionale. Non bastano, a questo punto, interventi tampone: occorre una vera riforma strutturale del sistema». «È il momento di cambiare registro: l’unica soluzione possibile e definitiva alle liste d’attesa è quella di alleggerire gli ospedali, prendendo in carico i pazienti cronici sul territorio, tramite il rafforzamento delle cure primarie – auspica Anelli -. In altre parole, se il cittadino non può avere accesso alle prestazioni, bisogna portare le prestazioni, e i professionisti, vicino al cittadino». «Occorre costituire microteam delle cure primarie, con medici di medicina generale, specialisti ambulatoriali, infermieri, assistenti sanitari, tecnici, che lavorino insieme in autonomia e sinergia – dettaglia -E, per far questo, servono nuove strutture, più ampie, e dotate di tutti gli strumenti adeguati e necessari alla diagnostica di primo livello e alla somministrazione di terapie. Il paziente che si reca in questi ambulatori, o che è seguito al suo domicilio, deve trovare le risposte alle sue domande di salute: deve poter effettuare un elettrocardiogramma, un’ecografia, alcuni esami radiologici, alcune analisi di laboratorio; deve poter essere sottoposto alle terapie riabilitative, iniettive, alle cure palliative e alle vaccinazioni previste. A questo proposito, ribadiamo, ancora una volta, che l’accesso alla vaccinazione, che prevede una valutazione anamnestica, non può che avvenire alla presenza del medico». «Ora, grazie all’Europa, le risorse ci sono, e altre potrebbero essere messe in campo: chiediamo al Governo di investirle con coraggio, puntando sui professionisti, e superando politiche ormai obsolete, come quelle dei Distretti– conclude Anelli -. Se tutto questo avverrà, in automatico le liste d’attesa si elimineranno e gli ospedali potranno riprendere e valorizzare il loro ruolo di gestione delle acuzie e delle patologie e complicanze che non possono essere gestite in ambulatorio o al domicilio».

Print Friendly, PDF & Email