-

Vaccini Covid-19, piattaforma Oms per la condivisione e il coordinamento globali dei dati sulla ricerca

oms

In un forum virtuale ospitato dall’Organizzazione mondiale della sanità,  scienziati hanno affrontano la sicurezza, l’efficacia e l’accesso dei vaccini.

Più di 2.800 scienziati provenienti da 130 paesi si sono riuniti venerdì scorso in un forum virtuale ospitato dall’Organizzazione mondiale della sanità per identificare le lacune di conoscenza e stabilire le priorità di ricerca per i vaccini contro SARS-CoV-2. Hanno discusso la sicurezza e l’efficacia dei vaccini esistenti e dei nuovi candidati, i modi per ottimizzare l’offerta limitata e la necessità di ulteriori studi sulla sicurezza. “Lo sviluppo e l’approvazione di diversi vaccini sicuri ed efficaci meno di un anno dopo che questo virus è stato isolato e sequenziato è un risultato scientifico sbalorditivo”, ha affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS, in apertura. “L’approvazione dei primi pochi vaccini non significa che il lavoro sia finito. Altri vaccini sono in cantiere, che devono essere valutati per garantire che abbiamo dosi sufficienti per vaccinare tutti “. Più di 30 milioni di dosi di vaccino sono già state somministrate in 47 paesi per lo più ad alto reddito. Ma il lancio globale del vaccino ha messo in luce evidenti disuguaglianze nell’accesso a questo strumento salvavita. “Lo spirito di collaborazione deve prevalere in questi tempi difficili mentre cerchiamo di comprendere questo virus”, ha affermato John Nkengasong, direttore dei Centri africani per il controllo e la prevenzione delle malattie. “Dobbiamo essere consapevoli delle disuguaglianze e dobbiamo promuovere deliberatamente gli investimenti nelle capacità regionali per creare parità di condizioni e avere una collaborazione significativa per iniziare ad affrontare alcune delle sfide”. Hanno discusso l’impatto delle varianti SARS-CoV-2 emergenti sull’efficacia dei vaccini, l’impatto dei vaccini sulla trasmissione dell’infezione e la necessità di sviluppare la prossima generazione di piattaforme vaccinali. “Il mondo ha bisogno di più vaccini che funzionino in popolazioni diverse per soddisfare la domanda globale e porre fine all’epidemia di COVID-19. Idealmente, questi saranno vaccini monodose che non richiedono la catena del freddo, potrebbero essere somministrati senza ago e siringa e sono suscettibili di produzione su larga scala “, ha affermato Mike Levine, direttore del Centro per lo sviluppo dei vaccini presso l’Università di Maryland. L’incontro si è concluso con l’accordo per stabilire una piattaforma ospitata dall’OMS per la condivisione e il coordinamento globali delle informazioni sulla ricerca sui vaccini emergenti sull’efficacia e la sicurezza. Il forum consentirebbe agli scienziati di condividere e discutere dati e protocolli di ricerca non pubblicati e pubblicati per approfondire la nostra comprensione collettiva dei vaccini SARS-CoV-2. “L’OMS convocherà regolarmente esperti da tutto il mondo, promuoverà la ricerca collaborativa, fornirà protocolli standard e svilupperà una piattaforma per condividere le ultime conoscenze nel campo”, ha affermato Soumya Swaminathan, capo scienziato dell’OMS.

Print Friendly, PDF & Email