-

Tecnologia radiologica e nucleare a sostegno del piano europeo contro il cancro

radiazioni
Presentato dalla Commissione europea il Piano d’azione Samira, l’agenda strategica per le applicazioni mediche delle radiazioni ionizzanti.

Migliorerà il coordinamento nell’Ue, garantirà che le tecnologie radiologiche e nucleari continuino ad essere utilizzate a vantaggio della salute dei cittadini dell’Ue e contribuirà alla lotta contro il cancro e altre malattie. È il Piano d’azione Samira, l’agenda strategica per le applicazioni mediche delle radiazioni ionizzanti presentato oggi dalla Commissione europea. Si tratta del primo seguito che viene dato al piano europeo di lotta contro il cancro, adottato dalla Commissione il 3 febbraio. “L’attuale pandemia – ha dichiarato la Commissaria per l’Energia Kadri Simson – ha ricordato a tutti noi l’importanza della salute e la necessità di fare tutto il possibile per accrescere il benessere dei nostri cittadini. L’uso medico sicuro della tecnologia radiologica e nucleare è uno strumento molto utile tra quelli di cui disponiamo e sta già recando benefici a centinaia di milioni di pazienti in tutta l’Europa. Questo piano d’azione garantirà che l’UE continui a essere il leader mondiale nell’offerta di radioisotopi per uso medico e nello sviluppo della radiologia diagnostica e terapeutica, applicando nel contempo i più elevati standard di qualità e sicurezza.”  “Grazie al piano europeo di lotta contro il cancro – ha aggiunto Stella Kyriakides, Commissaria per la Salute e la sicurezza alimentare – agiremo per migliorare lo screening dal punto di vista quantitativo e qualitativo e, perché ciò sia possibile, occorre una tecnologia radiologica sicura e di alta qualità. La diagnostica per immagini (imaging) è indispensabile per l’individuazione e la diagnosi precoce del cancro e oltre la metà dei pazienti oncologici è sottoposta a radioterapia. È un elemento onnipresente nella vita dei malati di cancro. Il piano d’azione SAMIRA è il primo risultato da noi conseguito nell’ambito del piano europeo di lotta contro il cancro ed è un ottimo esempio di collaborazione tra le comunità dell’energia, della sanità e della ricerca.”

Il piano d’azione Samira garantisce che i cittadini dell’Ue abbiano accesso, in campo medico, a tecnologie radiologiche e nucleari di alta qualità nel rispetto dei massimi standard di sicurezza.

Il piano definisce azioni e misure in tre settori fondamentali:

  1. garantire l’offerta di radioisotopi per uso medico
  2.  migliorare la qualità e la sicurezza delle radiazioni in medicina
  3. agevolare l’innovazione e lo sviluppo tecnologico delle applicazioni mediche delle radiazioni ionizzanti.

La Commissione darà il via a un’iniziativa europea che riunirà i centri specializzati nei radioisotopi (Ervi – European Radioisotope Valley Initiative) al fine di mantenere la leadership mondiale dell’Europa nell’offerta di radioisotopi per uso medico e contribuire ad accelerare lo sviluppo e l’introduzione di nuovi radioisotopi e metodi di produzione. Inoltre avvierà un’iniziativa europea sulla qualità e sicurezza delle applicazioni mediche delle radiazioni ionizzanti, per garantire che gli usi diagnostici e terapeutici di queste ultime negli Stati membri siano in linea con gli standard più elevati. La Commissione infine creerà sinergie tra il programma Euratom di ricerca e formazione e il polo tematico “Sanità” del programma di ricerca dell’UE Orizzonte Europa attraverso lo sviluppo e l’attuazione di una tabella di marcia della ricerca per le applicazioni mediche della tecnologia nucleare e radiologica.

 

 


Sfoglia il numero di febbraio di PANORAMA DELLA SANITÀ. Come ogni mese il dibattito aperto ha coinvolto numerose firme importanti del nostro settore, in un dialogo referenziato che mira a coinvolgere e contribuire ad una sempre più nuova visione del nostro sistema sanitario.

Hanno scritto per noi: Tonino Aceti, Americo Cicchetti, Rossana Dettori, Raffaele Donini, Bernardino Fantini, Piero Ferrante, Ignazio Ganga, Mariapia Garavaglia, Giuseppe Limongelli, Giuseppe Maria Milanese, Giandomenico Nollo, Carlo Palermo, Domenico Proietti, Francesco Ripa di Meana, Federico Spandonaro, Angelo Tanese, Marco Trabucchi, Marco Zecca.


 

 

Print Friendly, PDF & Email