-

Impianti di sci: le nuove linee guida delle Regioni

funivia-marmolada-dolomiti
Il documento aggiornato dopo i rilievi formulati il 4 febbraio dal Comitato tecnico scientifico.

Individuano le misure di prevenzione del contagio da Sars-CoV-2 da predisporre per l’utilizzo in sicurezza, qualora lo scenario epidemiologico lo consentirà, dei diversi impianti di risalita all’interno di stazioni, aree e comprensori sciistici nella stagione invernale. Sono le linee guida “per l’utilizzo degli impianti di risalita nelle stazioni e nei comprensori sciistici da parte degli sciatori amatoriali” aggiornate dopo i rilievi formulati il 4 febbraio dal Comitato tecnico scientifico. Il nuovo documento, approvato dalla Conferenza delle regioni, individua in dieci pagine tutte le modalità operative per la riapertura degli impianti.  Tra le misure seggiovie con capienza al 100% (al 50% se chiuse), mentre per cabinovie e funivie capienza fissata al 50%, previsti un tetto massimo di skipass giornalieri vendibili, la formazione del personale e individuazione del referente Covid. Aerazione e sanificazione “vanno incrementate negli ambienti utilizzati (spazi comuni e aree riservate al personale). Un’attenzione speciale deve essere data alla pulizia delle aree comuni come misura generale di prevenzione per l’epidemia da Coronavirus. La sanificazione di superfici che vengono spesso toccate – maniglie, pulsanti dell’ascensore, corrimano, interruttori, maniglie delle porte etc – dovrà essere particolarmente accurata, scrupolosa e frequente”. Inoltre dovranno essere creati percorsi che garantiscano il distanziamento sociale di almeno 1 m, che andranno opportunamente segnalati, nella fase di accesso alle biglietterie e successivamente agli impianti di risalita, riducendo la formazione di gruppi.

Print Friendly, PDF & Email