-

Piano vaccinale, La proposta dello Smi al ministro Speranza

braccio vaccino
“Obiettivo comune vaccinare il 70 % della popolazione in tempi brevi. Destinare un miliardo e 200milioni dal Pnrr per 80 milioni di vaccinazioni.

“Abbiamo  inviato al Ministro Speranza le nostre proposte  per l’impegno dei medici di medicina generale nella campagna vaccinale di massa anti Covid 19″ così una nota della Segreteria Nazionale del Sindacato Medici Italiani rende nota  le proposte del sindacato spedita questa mattina al Ministro della Salute. “Ribadiamo  la nostra volontà di collaborare alla campagna vaccinale anti covid che ha come obiettivo la vaccinazione del 70% della popolazione italiana nel più breve tempo possibile. Per questo scopo riteniamo che sia necessario lo stanziamento di un congruo finanziamento di almeno di 1 miliardo e 200 milioni euro al fine coprire  80 milioni di vaccinazioni (tra la prima e la seconda dose) I fondi necessari per  copertura economica trovano allocazione nell’ ultimo (7° punto) ” obiettivi generali della missione ” – MISSIONE 6 SALUTE DEL PIANO DI RESILIENZA”. “Auspichiamo, al fine di consentire la più ampia modalità di partecipazione alla campagna di tutti i profili contrattuali in essere della medicina generale ( sia AP che Continuità Assistenziale e Medicina dei Servizi); chiediamo, inoltre,  che sia consentito il coinvolgimento alle attività vaccinali anche su quota oraria di tutte le figure contrattuali della medicina generale convenzionata. Dal Pnrr,  attualmente in discussione alla Camera dei Deputati,  si preveda  lo stanziamento di  un miliardo di euro e  200 milioni rimodulando   le voci   del Pnrr per la Missione 6 Salute, al fine di  finanziare 80 milioni di vaccinazioni a 15 euro a dose singola di vaccino per coprire i costi dell’inoculazione e della sanificazione degli studi dei medici”. “Si stabilisca  che questi fondi rappresentino  l’intera quota parte dello Stato da distribuire  alle Regioni in base alla popolazione. In questo modo, così come avviene in altri paesi dell’Europa si potrà  avviare una vera campagna di contrasto al covid 19” conclude la nota.

Print Friendly, PDF & Email