-

Gazzi e Rosina: “Collaboreremo con il ministero nel contrasto a vecchie e nuove diseguaglianze”  

welfare
Gli assistenti sociali dal ministro Orlando.

Definizione dei livelli essenziali, revisione del Reddito di Cittadinanza, una riforma coraggiosa a favore delle persone non autosufficienti, un intervento straordinario per sostenere chi rischia di perdere la casa, un piano integrato per l’infanzia e l’adolescenza che affronti – con Famiglia e Salute – la povertà educativa insieme alla salute mentale e alle dipendenze. Le politiche sociali al centro dell’incontro tra il ministro Andrea Orlando e il Cnoas con il quale parte una proficua collaborazione per riparare i guasti di anni di austerity aggravati da una crisi socio-economica catastrofica e da un lungo periodo di isolamento e limitazioni.

“Il ministro Orlando – dicono il presidente Gianmario Gazzi e la vice presidente Barbara  Rosina – ha confermato l’attenzione che già avevamo apprezzato nei suoi passati incarichi di governo e nelle sue iniziative parlamentari e legislative su temi come diritti, dignità, contrasto alle diseguaglianze e umanità. Per questo abbiamo dato la massima disponibilità a esserci, a lavorare insieme, a rendere concrete tutte le azioni di giustizia sociale che servono per dare a chi è più indifeso le opportunità che la Costituzione vuole siano per tutti”. 

Rafforzamento dei servizi con un investimento che parta da una vera integrazione sociosanitaria, servizi domiciliari, valorizzazione della prevenzione e non bonus a pioggia, ha insistito il Cnoas.  “Il ministro Orlando – concludono Gazzi e Rosina  – ha mostrato apprezzamento per l’impegno degli assistenti sociali e ha assicurato che si avvarrà del nostro contributo per la definizione di un sistema di Welfare che contrasti diseguaglianze che con la pandemia sono soltanto aumentate. Noi ci siamo”.

Print Friendly, PDF & Email