-

Offerta anonima e gratuita di test rapidi per Hiv, Firmato il decreto

hiv
Il provvedimento inoltre garantisce alla popolazione la possibilità di sottoporsi ai test di screening per Hiv e altre malattie sessualmente trasmesse (Ist), senza ritardi dovuti allo stato di emergenza Covid-19.

La pandemia da Covid-19 ha comportato un forte impatto sul sistema sanitario in generale e in particolare sul comparto delle malattie infettive con limitazioni nell’accesso ai centri di cura e screening con un calo dell’attività di testing. Con l’obiettivo di garantire alla popolazione la possibilità di sottoporsi ai test di screening per Hiv e altre malattie sessualmente trasmesse (Ist), senza ritardi dovuti allo stato di emergenza Covid-19, il Ministro della salute ha firmato il 17 marzo scorso il decreto ‘Misure urgenti per l’offerta anonima e gratuita di test rapidi Hiv e per altre Ist in ambito non sanitario alla popolazione durante l’emergenza Covid-19’, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 24 aprile 2021. “I test rapidi – precisa il Ministero – non si configurano come test diagnostici, ma di screening, il cui risultato preliminarmente positivo deve essere confermato con metodica tradizionale su prelievo ematico. Allo scopo di mantenere e diversificare il livello di offerta di test rapidi Hiv e per altre Ist sul territorio nazionale, in contesti con comprovata esperienza Cbvct (Community Based Voluntary Counseling and Testing) di enti del terzo settore o organizzazioni della società civile, l’esecuzione e la comunicazione dell’esito preliminare dei test rapidi, salivari e su sangue da prelievo capillare, potranno essere effettuate anche da operatori non appartenenti alle professioni sanitarie (Community Health Worker) opportunamente formati”.

Print Friendly, PDF & Email