-

Ulss 6 Euganea: Per la prima volta un farmacista clinico a supporto del medico curante

medici
Progetto SAFE: un approccio multidisciplinare per migliorare l’assistenza ai pazienti in politerapia.

Il progetto pilota SAFE (Safety Alert for Frail Elderly), promosso dal Servizio Farmaceutico dell’Ulss 6 Euganea vedrà una riconciliazione terapeutica del paziente anziano o fragile in terapia con 7 o più farmaci: un farmacista clinico revisionerà la terapia farmacologica del paziente e il medico curante sarà così nelle condizioni di effettuare scelte terapeutiche più mirate, che tengano conto dell’influenza reciproca dei diversi farmaci in prescrizione. Si creerà una piattaforma contenente per ciascun paziente, tutte le informazioni sulle patologie in essere, i medicinali prescritti per curarle e le loro interazioni reciproche, di modo che possano essere analizzati da un farmacista clinico esperto in polifarmacoterapia.

Così il medico curante potrà bilanciare i farmaci prescritti, aumentare l’appropriatezza terapeutica e ridurre al minimo gli eventi avversi correlati all’uso eccessivo di medicinali, soprattutto nei pazienti più anziani. “Nei paesi industrializzati “spiega Umberto Gallo, referente scientifico del progetto SAFE per l’Ulss 6 Euganea, “l’uso inappropriato dei farmaci si colloca mediamente tra la quarta e la sesta causa di morte, e comporta seri rischi per la salute soprattutto nella popolazione anziana e pluripatologica. Si stima che fino all’11% dei ricoveri ospedalieri di pazienti in età geriatrica sia riconducibile a una reazione avversa da farmaci, e che il 50-80% di tali eventi avversi sia prevedibile ed evitabile”.

Ha commentato inoltre Paolo Fortuna, direttore generale dell’Ulss 6 Euganea: “La salute dei pazienti, la sostenibilità e la tenuta dei sistemi sanitari non possono dunque prescindere dall’ottimizzazione dell’uso dei farmaci, e in questo senso il progetto SAFE rappresenta un significativo passo in avanti per la nostra Azienda”.

Print Friendly, PDF & Email