-

21 mesi di pandemia: come è cambiato il virus?

covid
Una ricerca dell’Irccs Eugenio Medea e dell’Università degli Studi di Milano analizza la variabilità di 800.000 sequenze di Sars-CoV-2. I dati suggeriscono che tra i fattori alla base delle mutazioni ci siano anche le risposte antivirali delle cellule umane. 

La pandemia di Sars-CoV-2 ha innescato uno sforzo internazionale senza precedenti che ha portato al sequenziamento di un numero enorme di genomi virali completi. Questo ha spinto i ricercatori dell’Irccs Eugenio Medea, in collaborazione con i colleghi dell’Università degli Studi di Milano, ad analizzare la variabilità di circa 800.000 sequenze di Sars-CoV-2, il virus che causa il Covid-19, e di altri coronavirus umani responsabili di banali raffreddori. Questo lavoro è stato reso possibile da finanziamenti di Fondazione Cariplo e Regione Lombardia, che all’inizio della pandemia hanno deciso di promuovere la ricerca sul virus. Lo studio è stato pubblicato su Briefings in Bioinformatics.

I dati ottenuti dagli autori dello studio mostrano che Sars-CoV-2 e gli altri coronavirus presentano uno spettro di mutazione simile, cioè tendono ad accumulare gli stessi tipi di mutazioni nucleotidiche (in particolare da citosina a uracile e da guanosina a uracile). “Questa caratteristica  – spiega l’Irccs – non è condivisa da altri virus a RNA che infettano l’uomo. Ciò è estremamente importante perché alcune mutazioni potrebbero consentire ai coronavirus di eludere una proteina antivirale prodotta dalle nostre cellule e chiamata ZAP (Zinc finger antiviral protein). ZAP è una proteina che inibisce la replicazione dei virus a RNA legandosi all’acido nucleico virale e provocandone la degradazione.
Infine, i ricercatori hanno osservato che, durante i primi mesi di diffusione della pandemia di Sars-CoV-2, la frequenza di alcuni tipi di sostituzione è aumentata. Questo suggerisce un cambiamento nella pressione selettiva dopo lo spillover ed è in accordo con dati che indicano come la frequenza di alcuni tipi di mutazione (da guanosina a uracile) sia aumentata di 9 volte dopo il salto di specie dal pipistrello.

In sintesi, i dati suggeriscono che lo spettro di sostituzione di Sars-CoV-2 sia determinato da un’interazione tra diversi fattori e indicano che sarà fondamentale monitorare nel corso del tempo la variabilità genomica di Sars-CoV-2, per comprenderne l’evoluzione sul lungo periodo”.

Print Friendly, PDF & Email