-

Ci vorrebbe l’Hta

davini 11
Un’allocazione corretta delle tecnologie, in chiave non solo quantitativa ma anche geografica e qualitativa, per evitare di essere improduttiva e inappropriata, deve utilizzare a pieno gli strumenti e le metodologie dell’Hta

di Ottavio Davini

L’opportunità offerta dal Pnrr per il rinnovo del parco tecnologico della diagnostica per immagini è irripetibile: una di quelle cose che difficilmente si vede più di una volta nella vita. È evidente che non va sprecata, ma per non sprecarla occorre ampliare lo sguardo. È quasi pleonastico, come viene sottolineato da più parti, che in primo luogo occorra pensare a sostituire le apparecchiature obsolete, perché obsolescenza significa meno sicurezza e minor “output” nell’unità di tempo (quindi minor efficienza produttiva). E quello dell’obsolescenza è un problema serio, che colloca il nostro Paese nella parte bassa della classifica europea; si deve supporre che la previsione di acquisizione presente nel Pnrr sia stata calcolata sulla base principalmente di questo dato. Ma ampliare lo sguardo significa ragionare su fabbisogno reale e appropriatezza allocativa, anche in funzione della tipologia di apparecchiatura. Non si può quindi pensare che sia sufficiente cambiare
le macchine vecchie per aver fatto un buon lavoro: ci vorrebbe l’Hta, che invece – ancora una volta – è fuori dalla porta. Eppure, si potrebbe fare. A livello regionale si dispone di tutti i dati necessari: distribuzione sul territorio, tipologia e dati di produzione delle singole tecnologie, tempi di attesa medi per le diverse prestazioni, caratteristiche dei luoghi di erogazione.

Consideriamo, a scopo esemplificativo, la Risonanza Magnetica (Rm). I dati assoluti di numerosità della tecnologia ci collocano da anni nella
parte alta della classifica europea, mentre quelli relativi al numero di esami per abitante ci riportano nella media. Ne consegue, come è intuitivo, che il tasso di utilizzo medio delle singole attrezzature è basso (significativamente inferiore alla media europea): nel 2018 in Italia ogni Rm erogava – mediamente – 2.570 esami, a fronte dei 4.309 della Germania, dei 5.371 della Spagna e degli 8.095 della Francia. La fotografia è preoccupante

Leggi l’articolo integrale di Ottavio Davini* su PANORAMA DELLA SANITÀ n. 11 novembre 2021

*Comitato Direttivo Società italiana di Radiologia Medica e Interventistica, SIRM; Comitato Tecnico Scientifico Società Italiana Health Tecnology Assessment, SIHTA

__________________________________________________________________________________________

 

Sfoglia il numero di novembre di PANORAMA DELLA SANITÀ. Come ogni mese il dibattito aperto ha coinvolto numerose firme importanti del nostro settore, in un dialogo referenziato che mira a coinvolgere e contribuire ad una sempre più nuova visione del nostro sistema sanitario.

 

Hanno scritto per noi: Corrado Bibbolino, Massimiliano Boggetti, Michele Chittaro, Maria Grazia Colombo, Ottavio Davini, Vittorio Donato, Bernardino Fantini, Carlo Francescutti, Carmela Galdieri, Andrea Giovagnoni, Achille Iachino, Francesco Lucà, Vittorio Miele, Giuseppe Maria Milanese, Giovanni Monchiero, Riccardo Maria Paoli, Fabio Pinto, Joseph Polimeni, Angelo Tanese, Marco Trabucchi.

Print Friendly, PDF & Email