-

Covid-19, identificati biomarcatori predittivi dell’esito della malattia “sesso-specifici”

ricerca
Studio del Centro di Riferimento per la Medicina di Genere dell’Iss in collaborazione con ’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani (Inmi – Irccs), pubblicato su Biology of sex differences.

Alcuni biomarcatori potrebbero predire, in maniera differenziale per gli uomini e per le donne, la gravità e la progressione della sindrome da distress respiratorio acuto (Ards) nella Covid-19. Tali biomarcatori sesso-specifici sono stati identificati dai ricercatori del Centro di Riferimento per la Medicina di Genere dell’Iss in collaborazione con i colleghi dell’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani (Inmi – Irccs), in uno studio pubblicato su Biology of sex differences. “È ormai evidente che il sesso rappresenti una variabile biologica che influenza la severità di Covid-19 e l’insorgenza della insufficienza respiratoria grave – afferma Elena Ortona, ricercatrice dell’Iss che ha coordinato il team Iss-Inmi – La definizione, dunque, di biomarcatori predittivi della progressione della malattia specifici per il sesso può aiutare a monitorare meglio e quindi indirizzare correttamente il trattamento dei pazienti più a rischio”.

Nell’indagine in questione, va avanti l’esperta, “abbiamo esaminato, al momento del ricovero in ospedale, i livelli plasmatici di ormoni sessuali, quali testosterone, estradiolo, ACE2 solubile (sACE2) e Angiotensina1-7 (Ang1-7) insieme ai biomarcatori noti per la Covid-19 (livelli plasmatici di D-Dimero e ferritina, numero di neutrofili e linfociti). Tenendo conto, allo stesso tempo, di una serie di altri fattori, quali la presenza di comorbidità preesistenti, la gravità della malattia respiratoria al momento dell’ammissione in ospedale e l’insorgere di un peggioramento durante la degenza”.

I ricercatori hanno osservato – su un totale di 160 pazienti (80 uomini e 80 donne di età comparabile) ricoverati allo Spallanzani tra marzo e settembre 2020, positivi al SARS-CoV-2 – che alcuni marcatori erano efficaci nel predire l’andamento clinico della malattia sia negli uomini che nelle donne, mentre altri mostravano un valore predittivo sesso-specifico. In particolare, i livelli plasmatici di Ang1-7 e la conta dei neutrofili predicevano l’esito dell’ARDS solo nelle femmine, mentre i livelli plasmatici di testosterone e la conta dei linfociti solo nei maschi.

Scendendo in dettaglio, per quanto riguarda in particolare il testosterone, i suoi livelli plasmatici erano significativamente più bassi in quei pazienti maschi che hanno poi sviluppato, durante l’ospedalizzazione, una ARDS moderata/grave rispetto a quelli con Ards lieve/non grave. Diversi studi hanno infatti dimostrato che il testosterone ha un effetto antinfiammatorio, diminuendo quelle citochine che giocano un ruolo centrale nella tempesta citochinica e nell’infiammazione che contribuisce alla Ards. Questo spiegherebbe perché negli uomini anziani l’abbattimento del testosterone si correla con l’aumento di uno stato pro-infiammatorio. Inoltre, il testosterone diminuisce in presenza di obesità e diabete, che sono comorbidità frequentemente associate alla Covid-19.

“I nostri dati- conclude Elena Ortona- pur necessitando di validazione su una popolazione più ampia, evidenziano che il sesso dovrebbe essere considerato come variabile biologica per la scelta del biomarcatore appropriato e sottolineano la necessità di personalizzare l’assistenza dei pazienti anche tenendo conto del loro sesso”.

Print Friendly, PDF & Email