-

Parlamento europeo: i farmaci devono essere più accessibili ed economici

farmaci europa
I deputati hanno avanzato proposte per rendere i farmaci più accessibili e convenienti, migliorare la trasparenza dei prezzi e promuovere gli appalti pubblici congiunti dell’Ue.

Richiesta di una politica farmaceutica dell’Ue incentrata sul paziente, prevenire le carenze di medicinali, assicurando le catene di approvvigionamento e fornendo farmaci sostenibili e sostegno a un’industria farmaceutica Ue trasparente, competitiva e innovativa. Sono queste le richieste contenute nella risoluzione presentata  ieri dagli europarlamentari, che costituisce il contributo del Parlamento alle future proposte della Commissione per aggiornare la legislazione farmaceutica dell’Ue previste nel 2022. La risoluzione è stata adottata con 527 voti a favore, 92 contro e 70 astensioni. La relatrice Dolors Montserrat (PPE, ES) ha sottolineato: “La risoluzione migliora la strategia farmaceutica dell’Ue in vista della prossima revisione e aggiornamento della relativa legislazione, mettendo i pazienti al centro delle politiche sanitarie. Dobbiamo affrontare con fermezza le necessità mediche insoddisfatte e favorire l’accesso ai farmaci, rendendo i nostri sistemi sanitari nazionali più sostenibili. Allo stesso tempo, dobbiamo rafforzare i partenariati pubblico-privati dell’Ue per dare vita a un’industria farmaceutica strategicamente autonoma e resiliente, sostenuta da un programma di incentivi efficace e governata da un sistema normativo stabile, aggiornato e incentrato sulla sicurezza”.

Fra le raccomandazioni, c’è la richiesta di affrontare le cause primarie della carenza di medicinali e di garantire ai pazienti l’accesso a trattamenti farmaceutici sicuri, economici ed efficaci. Inoltre, si vuole aumentare la trasparenza dei prezzi e il finanziamento pubblico per ricerca e sviluppo, oltre che a rafforzare la capacità di produzione e di approvvigionamento Ue.  Durante il dibattito della sessione plenaria di lunedì, i deputati hanno affermato che una delle lezioni principali che i responsabili politici hanno imparato dalla pandemia di Covid-19 è l’importanza di una stretta collaborazione a livello europeo, insieme a una politica per rendere i sistemi sanitari nazionali più sostenibili e resistenti.

I deputati hanno aggiunto che l’Ue deve impegnarsi a ripristinare l’indipendenza del suo approvvigionamento farmaceutico e a rafforzare i partenariati pubblico-privato. Un’ampia maggioranza di deputati ha chiesto un quadro normativo aggiornato e solido che garantisca la sicurezza e l’efficacia dei prodotti farmaceutici, la definizione di prezzi equi e trasparenti, e la promessa che l’industria rispetti i suoi impegni ambientali.

La Commissione europea dovrebbe proporre un aggiornamento della legislazione farmaceutica dell’Ue verso la fine del 2022.

Print Friendly, PDF & Email