-

Oms: Ancora non è chiaro se la variante Omicron sia più trasmissibile o più grave di Delta

oms
L’Organizzazione mondiale della sanità ha pubblicato ieri un aggiornamento scientifico riguardante la nuova variante del coronavirus Omicron che sta causando preoccupazione a livello globale e scatenando crescenti divieti di volo nei paesi dell’Africa meridionale.

Gli esperti dell’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite hanno affermato che i ricercatori in Sud Africa e nel mondo stanno attualmente conducendo studi per comprendere meglio gli aspetti di Omicron, ma al momento non è chiaro se sia più trasmissibile rispetto ad altre varianti, tra cui Delta. “Il numero di persone risultate positive è aumentato nelle aree del Sud Africa colpite da questa variante, ma sono in corso studi epidemiologici per capire se è dovuto a Omicron o ad altri fattori”, spiega in una dichiarazione il Technical Advisory Group on Virus Evolution dell’Oms (Tag-Ve ). Il Gruppo ha inoltre evidenziato che non è chiaro se l’infezione da Omicron causi una malattia più grave  rispetto alle infezioni con altre varianti. “Sebbene i dati preliminari suggeriscano che ci sono tassi crescenti di ospedalizzazione in Sud Africa, ciò potrebbe essere dovuto all’aumento del numero complessivo di persone infettate, piuttosto che a una specifica infezione da Omicron”, hanno affermato gli esperti. Hanno aggiunto che attualmente non ci sono informazioni che suggeriscano che Omicron causi diversi sintomi di Covid-19

Tuttavia, il Tag-Ve ha ribadito che le prove preliminari indicano che le persone che hanno precedentemente avuto Covid-19 potrebbero essere reinfettate più facilmente con Omicron rispetto ad altre varianti. Finora, le infezioni inizialmente segnalate sono state tra individui più giovani che tendono ad avere una malattia più lieve, “ma comprendere il livello di gravità della variante Omicron richiederà giorni o diverse settimane”, hanno affermato gli esperti.  Il gruppo ha sottolineato che sta lavorando con i partner per comprendere il potenziale impatto di questa variante sui vaccini, l’efficacia degli attuali test Pcr e dei trattamenti esistenti, ma sono ancora necessarie ulteriori informazioni.

Poiché un numero crescente di paesi ha imposto divieti di volo alle nazioni dell’Africa meridionale a causa delle preoccupazioni sulla variante Omicron, l’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite li ha esortati a seguire le prove e i regolamenti sanitari internazionali che chiedono che “i confini rimangano aperti”. Sebbene le restrizioni di viaggio possano svolgere un ruolo nel ridurre leggermente la diffusione di COVID-19, “pongono un pesante fardello sulle vite e sui mezzi di sussistenza”, ha affermato l’agenzia in una dichiarazione pubblicata domenica.

Print Friendly, PDF & Email