-

Assoram: L’obbligo vaccinale al comparto della distribuzione farmaceutica, senza limiti di età sarebbe un grande aiuto

fiale vaccino
“Le aziende salvaguarderebbero la salute dei lavoratori senza mettere continuamente a rischio i delicati equilibri interni e la piena operatività dei servizi, tra cui quelli indispensabili di rifornimento di vaccini, farmaci e dpi contro il Covid-19”.

Assoram, che rappresenta ad oggi 130 operatori logistici e commerciali della filiera health, si unisce alle richieste di ADF e delle altre sigle di rappresentanza nel sensibilizzare le Istituzioni ad una pronta estensione dell’obbligo vaccinale al comparto della distribuzione farmaceutica, senza limiti di età. “Il green pass per l’accesso ai luoghi di lavoro è sicuramente un ottimo inizio ma impone un sistema complesso di controlli aziendali e personale dedicato che aggravano non poco le aziende già in affanno a causa dei notevoli contraccolpi economici della pandemia. Non solo, non potendo i datori di lavoro leggere le scadenze dei green pass, sono costretti ad un enorme sforzo organizzativo nei controlli, anche per ciò che concerne gli aspetti da gestire nei casi di irregolarità” – afferma Pierluigi Petrone, presidente Assoram.

L’obbligo vaccinale esteso agli operatori della distribuzione farmaceutica, primaria e intermedia, permetterebbe alle aziende di salvaguardare la salute dei lavoratori senza mettere continuamente a rischio i delicati equilibri interni e la piena operatività dei servizi, tra cui quelli indispensabili di rifornimento di vaccini, farmaci e dpi contro il Covid-19. “La nostra filiera, logistica e trasporto health, ha dimostrato, fin dall’inizio della pandemia, di essere essenziale nel contribuire alla tenuta del sistema di rifornimento della distribuzione intermedia, degli ospedali e delle farmacie. Oggi abbiamo bisogno di essere aiutati” – ribadisce il Presidente Petrone.

 

Print Friendly, PDF & Email