-

Farmaci veterinari, Ue: In vigore le nuove regole per promuovere la salute degli animali e combattere la resistenza antimicrobica

farmaci europa
Le nuove regole promuoveranno inoltre la disponibilità in futuro di promettenti medicinali veterinari, stimolando l’innovazione e la competitività.

Nella lotta contro la resistenza antimicrobica, da oggi nell’Ue si applica una rinnovata legislazione sui medicinali veterinari. Adottata tre anni fa, questa normativa “è oggi  – afferma la Commissione europea – una pietra miliare per supportare il raggiungimento degli obiettivi fissati nel Piano d’azione europeo per la salute e nella strategia Farm to Fork contro la resistenza antimicrobica. La normativa consolida inoltre il ruolo guida dell’Ue sulla scena mondiale nell’azione contro la resistenza antimicrobica”. Accogliendo favorevolmente questa pietra miliare, il commissario per la Salute e la sicurezza alimentare, Stella Kyriakides , ha rilasciato la seguente dichiarazione: “La pandemia di Covid-19 ha illustrato come la salute umana, vegetale e animale, la salute ambientale e la sicurezza alimentare siano interconnesse. L’illustrazione più chiara di questi collegamenti è la silenziosa pandemia di resistenza agli antimicrobici.

Nella nostra strategia Farm to Fork abbiamo fissato un obiettivo ambizioso di dimezzare le vendite complessive nell’UE di antimicrobici per animali d’allevamento e in acquacoltura entro il 2030. Con il Piano d’azione europeo per la salute, miriamo ad affrontare questa potenziale crisi sanitaria affrontando salute delle piante come un continuum. Le nuove regole saranno fondamentali per raggiungere questo obiettivo.

Nell’Ue, la maggior parte degli antimicrobici  – prosegue Kyriakides  -viene somministrata agli animali, a cui si applica lo stesso principio di base dell’uomo: curare le malattie e mantenerli in salute. Tuttavia, è possibile ridurre le infezioni e la necessità di cure in primo luogo, attraverso migliori pratiche igieniche e vaccinazioni, nonché – nel caso degli animali d’allevamento – biosicurezza e zootecnia. Limitare l’uso di antimicrobici deve essere la priorità.

Le nuove regole garantiranno che, da oggi, i trattamenti antimicrobici per gli animali vengano somministrati quando, e solo quando, ce ne sarà una reale necessità. Insieme alla nuova legislazione sui mangimi medicati, che vieterà l’uso preventivo e limiterà le prescrizioni di antimicrobici nei mangimi medicati, le nuove regole rafforzeranno notevolmente la lotta contro la resistenza antimicrobica.  Le nuove regole promuoveranno inoltre la disponibilità in futuro di promettenti medicinali veterinari, stimolando l’innovazione e la competitività. Incoraggio tutti gli Stati membri a fare in modo che le misure e le risorse appropriate siano messe in atto, al fine di garantire il pieno funzionamento della legislazione sul campo a livello nazionale e di rendere la sua attuazione un successo comune. Le nuove norme – conclude il commissario – rafforzano la posizione dell’Ue in prima linea nella lotta globale contro la resistenza antimicrobica, fornendoci al contempo un quadro giuridico moderno, innovativo e adatto allo scopo sui medicinali veterinari”.

Print Friendly, PDF & Email