-

La popolazione dell’Ue sta invecchiando e inizierà a diminuire negli anni a venire

Elderly couple retired grandparents sitting in cafe and celebrating anniversary. Old people dating in coffee shop. Senior persons relax in restaurant. Grandmother and grandfather retired relationships
Pubblicata dalla Commissione europea la relazione sulla coesione che coglie gli sviluppi degli ultimi anni ed evidenzia le lacune esistenti e le aree di miglioramento per i prossimi anni. 

Per affrontare il cambiamento demografico e l’invecchiamento della popolazione, le aziende dovranno adattarsi a una forza lavoro in diminuzione assumendo di più da gruppi con tassi di occupazione più bassi come giovani, donne e migranti non comunitari, e investendo di più nell’innovazione e nella formazione , in particolare dei lavoratori anziani e poco qualificati. Le scuole primarie e secondarie dovranno adeguarsi al minor numero di alunni, mentre altri servizi pubblici e assistenza sanitaria dovranno servire un numero crescente di residenti più anziani. È questa una delle conclusioni dell‘8° Rapporto sulla coesione presentato ieri dalla Commissione europea che mostra che la politica di coesione ha contribuito a ridurre le disparità territoriali e sociali tra le regioni dell’Ue e che grazie ai finanziamenti della politica di coesione, si stima che entro il 2023 il PIL pro capite delle regioni meno sviluppate sarà fino al 5% più alto. Secondo la relazione gli stessi investimenti hanno anche favorito una diminuzione del 3,5% del divario tra il PIL pro capite del 10% delle regioni meno sviluppate e il PIL pro capite del 10% delle regioni più sviluppate.

I risultati preliminari del Rapporto rivelano che la pandemia ha messo alla prova i nostri sistemi sanitari e ha messo alla prova le nostre strutture economiche e sociali e ha messo in luce forti differenze regionali. Le restrizioni alla circolazione di persone e merci hanno portato a una forte recessione in alcune regioni. La chiusura dei confini nazionali ha colpito in modo sproporzionato le regioni di confine. In breve, sono emerse nuove disparità territoriali e sociali.

Tra le sfide che la politica di coesione 2021-2027 dovrà affrontare in futuro vi è appunto quella demografica. Il cambiamento demografico, in particolare l’invecchiamento della popolazione, avrà un’influenza su tutte le regioni, ma prima di tutto su quelle rurali. Secondo le stime nel corso del prossimo decennio la popolazione di età pari o superiore a 65 anni crescerà di più del 25 % in una regione su cinque. Solo in alcune regioni della Bulgaria, della Grecia, del Portogallo e della Romania si prevede che questa fascia di età diminuirà. Al contrario, in molte regioni dell’Austria, dell’Irlanda, dei Paesi Bassi, della Polonia, della Spagna e della Slovacchia si prevede che questa fascia di età crescerà di oltre il 25% nel prossimo decennio. È probabile che ciò porti a un aumento della domanda di assistenza sanitaria in queste regioni, che dovranno adattare le proprie infrastrutture e servizi per renderli più accessibili alle persone con mobilità ridotta e aumentare la capacità dei servizi sanitari. La popolazione in età lavorativa dovrebbe diminuire di più del 10 % in una regione su quattro, mentre la popolazione con meno di 20 anni dovrebbe diminuire di oltre il 10 % in una regione su tre. In generale la quota di popolazione che vive in una regione in declino demografico aumenterà, secondo le stime, dal 34 % al 51 % tra il 2020 e il 2040. Le regioni rurali sono particolarmente colpite in quanto tale declino è già in corso. Queste tendenze possono incidere sul potenziale di crescita, sullo sviluppo delle competenze e sull’accesso ai servizi.

Il rapporto evidenzia inoltre che le disparità sanitarie tra le regioni sono diminuite, con l’aspettativa di vita in rapido aumento nelle regioni meno sviluppate. Tuttavia, questi ultimi sono ancora al di sotto della media dell’Ue. L’inquinamento dell’aria e dell’acqua rimane elevato in diverse regioni meno sviluppate.

Il rapporto sulla coesione valuta inoltre l’evoluzione a lungo termine delle disparità regionali, ma affronta anche brevemente i drammatici effetti a breve termine della pandemia di Covid-19. Ciò ha avuto un impatto asimmetrico sulle regioni dell’Ue, riflettendo diverse capacità, restrizioni e strutture economiche regionali di assistenza sanitaria. Il Covid-19 ha già aumentato del 13% la mortalità nell’Ue, ma finora l’impatto è maggiore nelle regioni meno sviluppate dove la mortalità è aumentata del 17%.  Tra marzo 2020 e luglio 2021 la pandemia di COVID-19 ha portato a un eccesso di mortalità1 nell’UE di almeno 872 000 decessi. In altre parole, rispetto alla media dei cinque anni precedenti, il numero di decessi dall’inizio della pandemia è stato del 13% superiore. Ciò include i decessi direttamente derivanti da COVID-19 e quelli causati indirettamente a causa della saturazione della capacità ospedaliera e della mancanza di cure abituali. L’eccesso di mortalità durante la prima ondata ha colpito principalmente le regioni di Italia, Spagna, Francia, Belgio e Paesi Bassi. Durante la seconda ondata, l’eccesso di mortalità è stato prevalentemente più alto nelle regioni dell’Europa orientale, in Polonia, Bulgaria e Slovenia, Cechia, Romania e Ungheria.

Il numero di persone a rischio di povertà ed esclusione sociale è diminuito di 17 milioni tra il 2012 e il 2019, principalmente a causa del calo del numero di persone in grave deprivazione materiale negli Stati membri orientali. Il raggiungimento dell’obiettivo UE 2030 di ridurre di almeno 15 milioni il numero di persone a rischio di povertà o esclusione sociale richiede il mantenimento dell’attuale tasso di riduzione della povertà nel prossimo decennio. La pandemia, tuttavia, ha aumentato di 5 milioni nel 2020 il numero di persone a rischio di povertà ed esclusione sociale. “Con l’uscita dell’UE dalla crisi pandemica – sottolinea la Relazione – è necessario compiere sforzi per continuare la precedente tendenza alla riduzione della povertà”.

Anche per le vaccinazioni anti covid la relazione individua disparità nell’Ue. Nel novembre 2021, circa il 70% della popolazione totale era stata completamente vaccinata. L’adozione delle vaccinazioni, tuttavia, differiva tra e all’interno degli Stati membri. I dati riportati a novembre indicavano che in diverse regioni della Romania e della Bulgaria meno del 20% della popolazione era completamente vaccinata, mentre in molte regioni del Belgio, della Francia e della Spagna oltre l’80% della popolazione era completamente vaccinata.

Print Friendly, PDF & Email