-

Sono 258 i vaccini in sviluppo nel mondo, a cui si aggiungono i 349 contro il Covid-19

vaccino
I vaccini “sono uno strumento essenziale per la prevenzione, per la tutela della salute dei cittadini e per la sostenibilità dei sistemi sanitari” sottolinea il presidente di Farmindustria Massimo Scaccabarozzi, in occasione della world immunization week

“Negli ultimi due anni il tema del Covid-19 è stato all’ordine del giorno. Una terribile pandemia che stiamo affrontando grazie alla scoperta in tempi record del vaccino e alla produzione a livello globale finora di oltre 13 miliardi di dosi. E anche nel nostro Paese i risultati non sono mancati perché, ad oggi, il 90% degli italiani over 12 ha completato il ciclo vaccinale. Ma non dobbiamo dimenticare il valore di tutte le altre vaccinazioni disponibili. Salvano infatti, secondo l’Oms, tra i 4 e i 5 milioni di vite ogni anno. E sono uno strumento essenziale per la prevenzione, per la tutela della salute dei cittadini e per la sostenibilità dei sistemi sanitari. Senza dimenticare che sono indispensabili nella lotta alla resistenza antimicrobica perché prevengono malattie, sia batteriche sia virali, e riducono l’uso inappropriato di antibiotici, salvaguardandone l’efficacia. E possono contribuire a prevenire ogni anno in Europa più di un milione di tumori causati proprio da virus e batteri”. È quanto dichiara il Presidente di Farmindustria, Massimo Scaccabarozzi, in occasione della world immunization week.

“Oggi – prosegue Scaccabarozzi – sono 258 i vaccini in sviluppo nel mondo, a cui si aggiungono i 349 contro il Covid-19, con uno sforzo costante da parte delle imprese per sviluppare nuove associazioni o modalità di somministrazione. Da questa crisi sanitaria e dall’importanza che rivestono i vaccini abbiamo imparato che la salute è un investimento. Per questo è necessario adeguare rapidamente i sistemi sanitari alle diverse necessità che richiedono velocità, flessibilità e risorse adeguate. Solo così si potrà assicurare sempre più la salute pubblica, partendo proprio dalla prevenzione, anche grazie alle innovazioni che arrivano dalla Ricerca e dai vaccini”.

Print Friendly, PDF & Email