-

Dl Riaperture, la Camera approva

camera
Con 316 voti a favore, 48 contrari e 6 astenuti l’Aula ha approvato il decreto recante disposizioni urgenti per il superamento delle misure di contrasto alla diffusione dell’epidemia da Covid-19, in conseguenza della cessazione dello stato di emergenza

Il testo del Dl Riaperture, che passa ora al Senato, stabilisce, tra l’altro, la sostituzione la figura commissario straordinario per l’emergenza  Covid-19 con un’unità per il completamento della campagna vaccinale, attiva fino a fine 2022. Contiene, inoltre, gli allentamenti sull’obbligo di indossare mascherine e green pass, nelle varie formule, validi fino al 30 aprile; allentamenti che sono stati superati dalle nuove misure in vigore dal primo maggio che confermano comunque le misure precauzionali applicate nelle strutture sanitarie e quelle applicate nella scuola dell’obbligo fino alla fine dell’anno scolastico.

L’obbligo di vaccinazione resta in vigore fino al 15 giugno 2022 per insegnanti e personale scolastico, forze dell’ordine e in generale tutti i cittadini dai 50 anni in su. Ma l’adempimento non è considerato un requisito per lo svolgimento dell’attività lavorativa. Chi non si vaccina incorre solo nella sanzione una tantum di 100 euro. L’obbligo vaccinale è esteso fino al 31 dicembre 2022 per i professionisti sanitari e per i lavoratori del settore sanitario e socio-sanitario ed assistenziale, nonché per i soggetti che svolgono la propria attività lavorativa nelle strutture residenziali, socio-assistenziali e socio-sanitarie. In questo caso la vaccinazione è un requisito essenziale per svolgere l’attività lavorativa. Prevista la costituzione di una Unità per il completamento della campagna vaccinale che opererà fino alla fine del 2022.

Tra le norme inserite in commissione, la possibilità della somministrazione presso le farmacie di vaccini anti SARS-CoV-2 e di vaccini antinfluenzali, con oneri a carico degli assistiti.

Print Friendly, PDF & Email