-

Pnrr: il Ministro Speranza al Tavolo per il partenariato

roberto speranza
Il Ministro della Salute ha sottolineato come gli interventi del Pnrr siano accompagnati da un forte rafforzamento dei finanziamenti nazionali destinati al Servizio sanitario nazionale.

Prossimità, innovazione, uguaglianza: sono queste le tre parole chiave che uniscono tutti gli interventi della Missione Salute del Pnrr, illustrati nei giorni scorsi dal Ministro Roberto Speranza nella dodicesima riunione del Tavolo permanente per il partenariato economico, sociale e territoriale, istituito presso la Presidenza del Consiglio dei ministri e coordinato dal Presidente del Cnel, Tiziano Treu.

Al Tavolo permanente, che ha funzione consultiva nelle materie connesse all’attuazione del Pnrr, partecipano – spiega in una nota Palazzo Chigi – i rappresentanti delle parti sociali, del Governo, delle Regioni, delle Province autonome, degli Enti locali, di Roma Capitale, delle categorie produttive e sociali, del sistema dell’università e della ricerca, della società civile e delle organizzazioni della cittadinanza attiva.

Il Ministro ha illustrato la strategia complessiva degli interventi programmati, che – grazie ai finanziamenti europei, all’incremento delle risorse destinate al Sistema sanitario nazionale e a un ambizioso programma di riforme – rappresentano una straordinaria opportunità di riforma e rilancio della sanità pubblica dopo l’emergenza sanitaria dovuta alla pandemia da Covid-19.

Con oltre 20 miliardi di euro stanziati tra Pnrr, REACT-EU e Piano nazionale complementare, il Governo punta ad ampliare e rafforzare l’assistenza territoriale (componente 1 della missione), nonché ad aggiornare le dotazioni tecnologiche e digitali degli ospedali, a metterne in sicurezza e le strutture e a investire su formazione, ricerca e trasferimento tecnologico (componente 2).

La riforma dell’assistenza territoriale – prosegue Palazzo Chigi – promuove un nuovo assetto organizzativo e istituzionale su tutto il territorio nazionale e rappresenta la premessa indispensabile per realizzare nuovi modelli per la presa in carico delle persone con la realizzazione di Case e Ospedali di Comunità. A questi si aggiungono gli investimenti in assistenza domiciliare e telemedicina per promuovere la casa come primo luogo di cura e allineare i livelli di copertura dell’assistenza domiciliare alle migliori esperienze europee.

Il Ministro ha sottolineato come gli interventi del Pnrr siano accompagnati da un forte rafforzamento dei finanziamenti nazionali destinati al Servizio sanitario nazionale. Con l’ultima legge di bilancio le risorse del Fondo sanitario nazionale sono arrivate a 124 miliardi di euro, a fronte dei 114 miliardi di euro del 2019, con ulteriori incrementi di 2 miliardi di euro sia nel 2023 sia nel 2024, che porteranno la dotazione a 128 miliardi di euro. Oltre a questo consistente incremento delle risorse ordinarie, ulteriori 625 milioni di euro sono stanziati dal PON salute.

Print Friendly, PDF & Email