-

Oms: La percezione che la pandemia sia finita è comprensibile, ma fuorviante

Tedros Adhanom Ghebreyesus
Il capo dell’Oms ha chiesto più test, vaccini per porre fine alla pandemia di Covid.
“Il numero di casi e decessi segnalati per Covid-19 continua a diminuire, ma non ci sono ancora abbastanza test e vaccinazioni diffuse per dire che la pandemia finirà presto” così ieri il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus nella conferenza stampa di aggiornamento sull’attuale focolaio di Monkeypox e sul Covid-19 a Ginevra. La traiettoria discendente in generale è ” chiaramente una tendenza molto incoraggiante”, ha affermato, con l’aumento dei tassi di vaccinazione che salva chiaramente vite, ma l’Oms continua a sollecitare cautela. “A livello globale, non ci sono abbastanza test e non abbastanza vaccinazioni. In media, circa tre quarti degli operatori sanitari e delle persone di età superiore ai 60 anni nel mondo sono stati vaccinati. Ma questi tassi sono molto più bassi nei paesi a basso reddito”. Ha affermato che 68 paesi non hanno ancora raggiunto una copertura del 40% , anche se l’offerta di vaccini è ora sufficiente, ma paradossalmente la domanda in molti paesi con i tassi di vaccinazione più bassi è carente. “L’Oms e i nostri partner stanno lavorando con i paesi per promuovere l’adozione portando i vaccini dove si trovano le persone, attraverso unità mobili, campagne porta a porta e mobilitando i leader della comunità”, ha aggiunto Tedros. “La percezione che la pandemia sia finita è comprensibile, ma fuorviante”, ha proseguito, osservando che 7.000 persone sono morte a causa del Covid-19 nell’ultima settimana. “Una nuova e ancora più pericolosa variante potrebbe emergere in qualsiasi momento e un gran numero di persone rimane senza protezione”, ha avvertito. “La pandemia non è finita e continueremo a dire che non sarà finita finché non lo sarà”.
Print Friendly, PDF & Email