-

Oms: al momento l’epidemia di vaiolo delle scimmie non è un’emergenza sanitaria globale

A closeup shot of a Rhesus macaque primate monkey sitting on a metal railing and eating something
Dall’inizio di maggio 2022 sono stati segnalati all’Oms 3040 casi provenienti da 47 paesi.

Il Direttore Generale dell’Oms ha trasmesso il Rapporto della Riunione del Comitato di Emergenza del Regolamento Sanitario Internazionale (2005) (Ihr) riguardante l’epidemia di vaiolo delle scimmie, tenutasi il 23 giugno scorso, a Ginevra. Il Direttore generale dell’Oms concorda con il consiglio offerto dal Comitato di emergenza dell’Ihr in merito all’epidemia di vaiolo delle scimmie che al momento, non costituisce un’emergenza di salute pubblica di interesse internazionale (Pheic). Il Segretariato dell’Oms ha presentato la situazione epidemiologica globale, evidenziando che dall’inizio di maggio 2022 sono stati segnalati all’Oms 3040 casi provenienti da 47 paesi. La trasmissione si sta verificando in molti paesi che non hanno precedentemente segnalato casi di vaiolo delle scimmie e il numero più alto di casi è attualmente segnalato da paesi della regione europea dell’Oms. I primi casi di vaiolo delle scimmie, rilevati in diversi paesi in diverse regioni dell’Oms, non avevano collegamenti epidemiologici con aree che storicamente hanno segnalato il vaiolo delle scimmie, suggerendo che la trasmissione non rilevata potrebbe essere in corso da qualche tempo in quei paesi. Ci sono stati pochi ricoveri fino ad oggi ed è stato segnalato un decesso in un individuo immunocompromesso.

Il Segretariato dell’Oms ha inoltre presentato la bozza del “Piano strategico dell’Oms per il contenimento dell’epidemia di vaiolo delle scimmie in più paesi”. Il piano ha sottolineato la necessità di adottare un approccio rafforzato, agile e collaborativo, con un focus particolare sulla sensibilizzazione e sul potenziamento dei gruppi di popolazione colpiti affinché adottino comportamenti sicuri e misure protettive in base ai rischi che corrono e sull’arresto dell’ulteriore diffusione del vaiolo delle scimmie all’interno quei gruppi di popolazione. Oltre al Piano il Segretariato dell’OMS ha anche presentato la propria guida tecnica, offerta ai paesi a sostegno dei loro sforzi nel rispondere a questo evento, e incentrata su: sorveglianza rafforzata; isolamento dei casi; identificazione e monitoraggio dei contatti; potenziamento delle capacità diagnostiche e di laboratorio; gestione clinica e misure di prevenzione e controllo delle infezioni all’interno delle strutture sanitarie e comunitarie, compresi i percorsi assistenziali; coinvolgimento con i gruppi di popolazione colpiti e comunicazione efficace per evitare la stigmatizzazione; percorsi assistenziali solidi, compreso l’uso di contromisure mediche nell’ambito di quadri di ricerca collaborativa, utilizzando strumenti di raccolta dati standardizzati per aumentare rapidamente la generazione di prove sull’efficacia e la sicurezza di questi prodotti.

Sebbene alcuni membri abbiano espresso opinioni divergenti, al termine della riunione, il comitato ha deciso all’unanimità di consigliare al Direttore generale dell’Oms che in questa fase l’epidemia dovrebbe essere determinata a non costituire una PHEIC, ovvero un evento straordinario, che costituisce un rischio per la salute pubblica ad altri Stati attraverso la trasmissione internazionale e che potenzialmente richiede un risposta internazionale coordinata.

Tuttavia, il Comitato ha riconosciuto all’unanimità la natura di emergenza dell’evento e che il controllo dell’ulteriore diffusione dell’epidemia richiede intensi sforzi di risposta. Il Comitato ha consigliato che l’epidemia dovrebbe essere attentamente monitorata e riesaminata dopo alcune settimane, una volta che saranno disponibili ulteriori informazioni sulle attuali incognite, per determinare se si sono verificati cambiamenti significativi che potrebbero giustificare una riconsiderazione del loro parere.

Il Comitato ha ritenuto che il verificarsi di uno o più dei seguenti elementi dovrebbe indurre a una rivalutazione dell’evento: evidenza di un aumento del tasso di crescita dei casi segnalati nei prossimi 21 giorni, sia all’interno che al di fuori dei gruppi di popolazione attualmente colpiti ; occorrenza di casi tra le prostitute; evidenza di una diffusione significativa verso e all’interno di altri paesi, o aumenti significativi del numero di casi e diffusione in paesi endemici; aumento del numero di casi in gruppi vulnerabili, come individui immunosoppressi, anche con infezione da HIV scarsamente controllata, donne in gravidanza e bambini; evidenza di maggiore gravità nei casi segnalati (ossia aumento della morbilità o mortalità e tassi di ospedalizzazione; evidenza di ricadute inverse sulla popolazione animale; evidenza di un cambiamento significativo nel genoma virale associato a cambiamenti fenotipici, che portano a una maggiore trasmissibilità, virulenza o proprietà di fuga immunitaria o resistenza agli antivirali e ridotto impatto delle contromisure; evidenza di cluster di casi associati a cladi di maggiore virulenza rilevati in nuovi paesi al di fuori dei paesi dell’Africa occidentale e centrale.

Print Friendly, PDF & Email